X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: AZIENDA SOCIO SANITARIA TERRITORIALE DELLA VALCAMONICA
Anno Costituzione: 2016
Codice Fiscale: 03775830981
Partita Iva: 03775830981
Indirizzo: VIA NISSOLINA 2
Città: Breno
Cap: 25043
Provincia: BS
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: Dr. Raffaello Stradoni
Mail legale rappresentante: direzione.generale@asst-valcamonica.it
Psicologo Referente: Dr.ssa Giacinta Pini
Psicologo Referente Email: g.pini@asst-valcamonica.it
Mail di riferimento ente: giuridico@asst-valcamonica.it
Pec: protocollo@pec.asst-valcamonica.it
Numero di telefono: 0364/329335
Indirizzo Web: http://www.asst-valcamonica.it/
Attività psicologica Ente
L'ASST della Valcamonica È caratterizzata dalla presenza di un Presidio ospedaliero (“polo ospedaliero”), costituito dalle sedi (Ospedali) di Esine e di Edolo, nonchà© da strutture extraospedaliere, sia afferenti al “polo ospedaliero” sia afferenti alla “rete territoriale” (Cedegolo, Breno, Darfo B.T. e Pisogne). Presso l'Ospedale di Esine sono presenti le UU.OO di Psicologia Clinica, Neurologia e NPIA, nelle quali operano gli psicologi sia dipendenti che con incarichi libero-professionali. Nella rete territoriale la figura dello psicologo È presente presso strutture afferenti alla Direzione Socio-sanitaria, quali i Consultori Familiari (Darfo, Breno, Edolo), il Servizio Fragilità  ed il SERD.
Tali servizi collaborano in modo integrato con i reparti ospedalieri, le scuole, l'Azienda Territoriale per i servizi alla Persona, il Tribunale dei minori, associazioni di volontariato, cooperative e le comunità  teraputico-riabilitative.
Il trattamento si struttura su base ambulatoriale con una prima osservazione, cui segue una valutazione diagnostica personalizzata.
Il trattamento può essere individuale o di gruppo e prevede una rivalutazione periodica standardizzata dell'andamento del trattamento.
Si effettuano Colloqui psicologici di valutazione anche con impiego di tecniche psicodiagnostiche (test di personalità , cognitivi, funzionali) nelle diverse sedi dell'UOP;
Si effettuano Colloqui di sostegno psicologico:
- Interventi di psicoterapia individuale
- Interventi di psicoeducazione alle famiglie
- Interventi di psicoterapia di gruppo
- Attività  di gruppo in SPDC "Gruppi dialogo" per pazienti ricoverati nel Reparto di psichiatria
- Colloqui di sostegno ai familiari per la gestione del carico emotivo.
- Consulenze psicologiche su richiesta dei servizi dell'area sanitaria, sociale,educativa e giudiziaria.
- Consulenze psicologiche e somministrazione di test all'interno del presidio ospedaliero.
Dal 2009 sono attivi i PROGETTI INNOVATIVI REGIONALI (Diogene 2 per gli esordi psicotici - e Disturbi Alimentazione).
L'attività  del centro Disturbi dell'alimentazione si svolge in due ambiti: l'ambulatorio standard, con visite ambulatoriali almeno settimanali a cura dello psicologo e della nutrizionista e un Ambulatorio intensivo durante il quale i pazienti si fermano dal lunedì al venerdì per il pranzo e la merenda, assistiti dagli psicologi, infermieri,educatori.
Le prestazioni professionali dello Psicologo del Consultorio Familiare si rivolgono prioritariamente all'Area Materno-Infantile, alla Famiglia nel proprio ciclio di vita e/o in situazioni di difficoltà  e multiproblematicità , nello spazio adolescenti e nell'ambito adottivo.
Periodicamente si svolgono Riunioni professionali di tipo organizzativo, di aggiornamento e cliniche con scambio delle esperienze e condivisione dei piani di trattamento.
Nell'ambito della prevenzione si attuano Progetti nelle scuole per studenti e docenti.
Progetti Ente
Diagnosi e trattamento in Psicologia dello Sviluppo
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
Nella ASST della Valcamonica i servizi in cui i tirocinanti possono sviluppare il progetto di tirocinio in ambito evolutivo sono i Consultori familiari e la Neuropsichiatria dell'infanzia e della Adolescenza.
GLI OBIETTIVI FORMATIVI sono:
Acquisizione delle competenze professionali necessarie per:
1. impostare un iter di valutazione, anche multidisciplinare, per giungere alla definizione diagnostica dei disturbi delle sviluppo e dei disturbi psicopatologici in età evolutiva (0-18 anni)
2. formulare diagnosi differenziali sui disturbi dello sviluppo ( quali disturbi specifici,di linguaggio e generalizzati, ritardi mentali).:
3. giungere a diagnosi dei disturbi psicopatologici in età evolutiva autismo, esordi psicotici ecc.
4. imparare come stendere le relazioni conclusive della valutazione diagnostica
5. conoscere i passaggi necessari per il riconoscimento della patologia come
invalidante (L. 104/92)
6. Assistere alle consulenza e alla valutazione psicologica dei minori-adolescenti e famiglie che si rivolgono al consultorio
7. Partecipare ai percorsi di gruppo per adolescenti adottati
8. Fornire collaborazione nel progetto Percorso Nascita per futuri genitori
9. Spazi di gruppo di accompagnamento e supporto psico-educativo per mamme, papà (e altre figure parentali) ) con i loro bambini.

COMPETENZE PROFESSIONALI
Il tirocinante al termine del tirocinio dovrebbe avere acquisito le seguenti capacità:
1. condurre un colloquio clinico per una raccolta anamnestica completa;
2. programmare la sequenza di valutazione e utilizzare gli strumenti clinici adeguati;effettuare la
valutazione intellettiva con WISC IV, WPPSI III, ecc, valutare la coordinazione
motoria , valutare le funzioni esecutive, utilizzare le scale di valutazione del comportamento e della personalità
MMPI-A, EDI ecc)
3. elaborare la diagnosi e una relazione diagnostica

PRINCIPALI ATTIVITÀ ASSEGNATE AI TIROCINANTI
1. partecipazione ed osservazione diretta del lavoro dello psicologo con casi clinici
2. partecipazione alla discussione casi nell'équipe multidisciplinare
4. partecipazione agli incontri scolastici
5. conduzione diretta (affiancato dal tutor), se possibile e se le competenze professionali
acquisite lo consentono, di colloqui di primo accesso, di valutazione ed uso di strumenti da
valutazione.
METODOLOGIE UTILIZZATE
1.Osservazione diretta alle le fasi del lavoro psicologico fino ad arrivare alla conduzione in prima persona (affiancato dal tutor) di colloqui e valutazione, in relazione alle competenze professionali apprese
2. partecipazione alla stesura della relazione cliniche e successivamente stesura in autonomia della relazione stessa
3. partecipazione ad incontri professionali sulle varie patologie
4. partecipazione all'attività in équipe multidisciplinare
5. partecipazione agli eventuali eventi di formazioni organizzati dal servizio in cui si svolge il tirocinio.
progetto Psicologia Generale
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
Il tirocinante durante il tirocinio svolto nella struttura si occuper? della somministrazione, dello scoring e della interpretazione dei diversi test cognitivi,compresa le scale di intelligenza, redazione delle relazioni conclusive dell'approfondimento psicodiagnostico, dei test di personalit? e delle scale di valutazione della qualit? di vita , delle scale per l'individuazione dei deficit metacognitivi; della diagnostica psicologica differenziale delle patologie psichiche al fine di individuare le compromissioni a carico delle capacit? cognitive, comunicative e relazionali.
Inoltre apprender? come attuare la raccolta dell'anamnesi patologica remota e attuale al fine della comprensione dei disturbi e implementazione del trattamento personalizzato.
Parteciper? alle riunioni di supervisione nell'?quipe composta da psicoterapeuti, psicologi, medici psichiatri, infermieri ed educatori dell'Unit? operativa di psichiatria.
Si occuper? della redazione delle relazioni conclusive dell'approfondimento psicodiagnostico, con particolare riferimento alle ipotesi diagnostiche secondo il DSM-5; formuler? un piano di trattamento terapeutico e dell'eventuale PTI a seconda della complessit? del caso in questione.Partecipar? alla programmazione di interventi psicoeducativi di Gruppo per i disturbi d'ansia, disturbi bipolari e ai gruppi per i familiari di giovani pazienti con disturbi dell'alimentazione.Al termine dell'esperienza il tirocinante dovrebbe aver acquisito la conoscenza dell'utilizzo degli strumenti necessari alla diagnostica psicologica rispetto alle maggiori patologie psichiche e la conoscenza di quali siano le informazioni fondamentali da raccoglire durante il colloquio anamnestico
Progetto Psicologia clinica
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia clinica
I servizi ospedalieri e territoriali in cui verrà accolto il tirocinante sono:il Consultorio familiare,l'unità operativa di psicologia Clinica, il Servizio NPIA, il servizio di Neurologia, il servizio Dipendenze.
Il tirocinante viene invitato a conoscere, nella pratica, quali sono le componenti della Azienda nelle sue estensioni territoriali e ospedaliere.
Verrà direttamente portato presso i servizi in cui opera lo psicologo per conoscerne la struttura e le diverse modalità operative: accoglimento della richiesta telefonica, compilazione foglio dati anagrafici, compilazione consenso informato e infine conoscenza dettagliata del Dipartimento in cui svolge il tirocinio.
Dovrà imparare a conoscere l'iter psicodiagnostico, studiando gli strumenti in dotazione al servizio, imparare quali siano i percorsi di cura e le modalità della presa in carico.
Potrà visionare le cartelle cliniche, leggendo l'anamnesi psicopatologica, il diario delle visite, comprese quelle psichiatriche.
Studierà le diverse patologie riscontrate nella diagnosi formulata nelle cartelle.
L'obiettivo del tirocinio è anche quello di insegnare al tirocinante come stare in un gruppo di lavoro, condividere il sapere, porre domande, dare il proprio contributo teorico durante la discussione dei casi clinici.
Si occuperà con il tutor della raccolta dei dati al fine della rendicontazione regionale,dati utili per la conoscenza dell'epidemiologia del territorio in cui si trova a operare.
Parteciperà agli incontri professionali degli psicologi della ASST, che hanno come obiettivo la condivisione de i progetti in attuazione e l'analisi dei casi clinici.
potrà assistere a consulenze effettuate dal tutor e dovrà prendere nota dei contenuti della consulenza al fine di discuterne con il tutor.
Progetto Psicologia clinica
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
L'area in cui verrà accolto il tirocinante è quella della Psicologia Clinica, quella della NPIA e quellq della Neurologia.
Inizialmente è indispensabile che il tirocinante conosca l'azienda nelle sue estensioni territoriali e ospedaliere e conosca come è strutturato il dipartimento in cui si svolge il tirocinio.Partecipazione alle riunioni organizzative e alle supervisioni di casi clinici dove alternativamente vengono presentati e illustrati i principali gruppi di categorie psicopatologiche e dove gli psicologi a turno espongono argomenti predisposti in precedenti incontri
Osservazione dei primi colloqui psicologici affiancando lo psicologo nella raccolta dell'anamnesi personale e psicopatologica del paziente, attraverso la compilazione della cartella clinica
Utilizzo di strumenti conoscitivi utili alla psicodiagnosi.
Apprendimento pratico si somministrazione di test di personalità, cognitivi, neuropsicologicie scale di valutazione della psicopatologia. elaborazione dei test anche tramite l'utilizzo dei programmi informatizzati.
Valutazione dei risultati e stesura di dettagliata relazione psicodiagnostica, formulando l'ipotesi del trattamento più indicato.Svolgimento di attività di raccolta dati e elaborazione statistica dei risultati.Partecipazione agli incontri periodici del coordinamento degli psicologi aziendale in cui si trattano gli aspetti della formazione professionale e vengono a turno discussi casi clinici dei diversi servizi della azienda, dal servizio consultoriale ,alle dipenze, allla NPIA.
Inoltre partecipa alla programmazione degli interventi di prevenzione sul territorio.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
S001082_001
Psicologia Clinica
via Manzoni 142 - Esine - 25040 (Bs)
Dr.ssa Giacinta Pini
g.pini@asst-valcamonica.it
S001082_002
Consultorio Familiare
Via Nissolina n.2 - Breno - 25043 (Bs)
Dr.ssa Giuseppina Barcellini
g.barcellini@asst-valcamonica.it
S001082_003
Consultorio Familiare Darfo
Via Barbolini n.2 - Darfo Boario Terme - 25047 (Bs)
Dr.ssa Giuseppina Barcellini
g.barcellini@asst-valcamonica.it
S001082_004
Servizio Territoriale Dipendenze
Via cercovi n.2 - Darfo Boario Terme - 25047 (Bs)
Martinelli Anna
anna.martinelli70@alice.it
S001082_005
NPIA Esine
via Manzoni 142 - Esine - 25040 (Bs)
Dr.ssa Giacinta Pini
g.pini@asst-valcamonica.it
S001082_006
Consultorio Familiare Edolo
Piazza donatori di Sangue n.1 - Edolo - 25048 (Bs)
Dr.ssa Giuseppina Barcellini
g.barcellini@asst-valcamonica.it
S001082_007
SSD Neurologia Esine
via Manzoni 142 - Esine - 25040 (Bs)
Dr.ssa Giacinta Pini
g.pini@asst-valcamonica.it