X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: Libera compagnia di arti e mestieri sociali a.r.l.
Anno Costituzione: 1994
Codice Fiscale: 11222820158
Partita Iva: 11222820158
Indirizzo: via labriola 30
Città: san giuliano milanese
Cap: 20098
Provincia: Milano
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: Ronconi Chiara
Mail legale rappresentante: chiara.ranconi@artiemestierisociali.org
Psicologo Referente: Claudia Ermetici
Psicologo Referente Email: claudia.ermetici@artiemestierisociali.org
Mail di riferimento ente: christian.sarno@artiemestierisociali.org
Pec: artiemestierisociali@pec.it
Numero di telefono: 0298248205
Indirizzo Web: http://www.artiemestierisociali.org/
Attività psicologica Ente
Lo psicologo gestisce, all'interno del progetto denominato “A scuola Insieme”:
• Gli sportelli di ascolto rivolti agli studenti costituiscono uno spazio dedicato che mira a sostenere, prevalentemente, i minori che stanno attraversando un momento di difficoltà  nel loro percorso di crescita. La consulenza dello psicologo ha lo scopo di fornire una prima accoglienza orientata all'ascolto ed alla rassicurazione, di fornire indicazioni rispetto a questioni specifiche e di attivare eventualmente percorsi di accompagnamento verso le risorse presenti sul territorio. Si tratta di uno spazio di “allenamento” alla parola, all'ascolto, al confronto, che aiuta a rafforzare la consapevolezza della propria condizione di vita e del proprio modo di agire.
• Brevi percorsi di supporto per i minori (2-5 incontri), laddove sia necessario, con la possibilità  di coinvolgere nel percorso anche la famiglia dello studente o gli insegnanti.
• Interventi formativi rivolti al gruppo di ragazzi e ragazze presso gli istituti secondari di primo grado su specifiche tematiche connesse con i bisogni delle differenti fasi evolutive.
• Realizzazione di percorsi (3-4 incontri) tematici dedicati ai docenti finalizzati al confronto sulle problematiche incontrate e alla formazione su specifiche questioni, intesa come sviluppo delle conoscenze e competenze psicologiche e pedagogiche. Attraverso il confronto con altri colleghi e con i consulenti esterni (psicologo) i docenti sono supportati nella gestione dei singoli studenti e del gruppo classe e si appropriano della conduzione di situazioni faticose che rientrano nella sfera educativa. Il lavoro di gruppo inoltre permette ai docenti di trovare un luogo di comprensione emotiva che consente loro di uscire dall'isolamento professionale nel quale si possono venire a trovare e da una cultura istituzionale dove le difficoltà  del ruolo trovano poco spazio per essere nominate.
• Spazi di supporto ai genitori (uno o più incontri) per sostenerli e valorizzarli sul mantenimento e lo sviluppo delle competenze naturali presenti, accompagnarli nel processo di focalizzazione e identificazione del problema, portarli a riconoscere che cosa può essere trattato, da chi e in che modo e, se necessario, indirizzarli ad altri servizi. Questi brevi percorsi (4/5 colloqui) di consultazione sono volti a meglio comprendere e valutare come gestire le situazioni complesse che talvolta si presentano allo sportello di consulenza.
Progetti Ente
Interventi psicologici a fovore dei minori della comunita' "Ora blu"
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia clinica
La Comunit? Tutelare L'Ora Blu accoglie fino a dieci minori, di ambo i sessi e di et? compresa tra i 2 e 12 anni, allontanati dalle famiglie attraverso decreto dell'Autorit? Giudiziaria. Destinatari dell?intervento psico-socio-educativo sono i minori accolti e le loro famiglie, nell'ottica di promuovere una presa in carico integrata che lavori al fine di affiancare al quotidiano lavoro educativo e riparativo con i bambini e i ragazzi un lavoro supportivo con le famiglie degli stessi, in stretta connessione e sinergia con quanto portato avanti dai servizi di riferimento e specialistici che fanno parte della rete della presa in carico.La tipologia di utenza pu? quindi essere cos? sinteticamente individuata:minori allontanati dalla famiglia con Decreto dell'Autorit? Giudiziaria:
-in una fase di valutazione della recuperabilit? delle risorse genitoriali;
-in una fase di integrazione e sostituzione del ruolo della famiglia di origine, quando il minore necessita di un periodo di transizione, durante il quale va individuata la sua stabile collocazione futura e alla quale il minore stesso va preparato e accompagnato;
minori provenienti da situazioni di collocamento fallite (affidi, adozioni, ecc.), per i quali il Tribunale e i Servizi hanno la necessit? di individuare il progetto di collocazione pi? idoneo.Il limite alla durata dell'accoglimento ? considerato, almeno in termini di orientamento, pari a 18/24 mesi.Il lavoro svolto all'interno della Comunit? con ogni bambino e ragazzo accolti si orienta e sviluppa intorno ad alcune dimensioni fondamentali: protezione, valutazione, riparazione, comprensione e contenimento, riconoscimento del legame bambino/genitore, collaborazione con la rete e sistemi relazionali. L'equipe ? composta da pi? figure professionali tra cui lo psicologo. In particolare questi:Affianca il coordinatore pedagogico e/o l'educatore di riferimento nei colloqui con i familiari del bambino nei primi mesi di accoglienza dello stesso e, laddove necessario, anche in seguito;Incontra il bambino o il ragazzo nei primi mesi di inserimento per verificare l'entit? del trauma subito con colloqui e attraverso somministrazione della testistica, e inquadrare il conseguente comportamento alla luce di tale valutazione;Lavora in stretta sinergia con l'equipe educativa per rileggere le dinamiche relazionali all'interno del gruppo dei minori ospiti, il comportamento dei bambini e dei ragazzi, e concorre a costruire le pi? appropriate strategie di intervento;
Ha contatti con i colleghi dei Servizi invianti e specialistici con il medesimo profilo professionale, raccordandosi costantemente con il coordinatore pedagogico;Concorre alla stesura delle relazioni relative al minore su richiesta del Servizio inviante e in ottemperanza a quanto indicato dall'Autorit? Giudiziaria.
A Scuola Insieme
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
Progetto: Il servizio "A Scuola Insieme" (ASI) si propone come macro finalit? quella di modificare l'equilibrio fra fattori di rischio e di protezione in ciascun ambito in modo tale che questi ultimi prevalgano su quelli di rischio diminuendo la vulnerabilit? complessiva dei singoli minori e dei sistemi educativi famigliari e scolastici. Il modello proposto prevede che ogni sistema educativo (ad es. la scuola) lavori per migliorare l'equilibrio all'interno del proprio dominio di azione (Salomone 2005) e per meglio dialogare con gli altri sistemi socio educativi naturali (ad es. la famiglia) e professionali (ad es. la Neuropsichiatria Infantile, il Servizio Minori e Famiglia) in armonia con i modelli di sviluppo multidimensionali e multifattoriali della psicologia scolastica. L'orizzonte atteso e perseguito dal Servizio ASI (in linea con il mandato richiesto volto a sviluppare una cultura della prevenzione, promuovere protagonismo giovanile e sviluppo di abilit? sociali, sviluppare competenze negli adulti, ridurre i fattori di rischio ed aumentare quelli di protezione) ? quello dello sviluppo di competenze e skills sia negli adulti che nei minori. Negli adulti ci riferiamo allo sviluppo di competenze educative e sociali connesse al ruolo docente, genitore, educatore. Per i minori ci riferiamo allo sviluppo delle life skills (mandato dell'OMS) e delle competenze di cittadinanza (mandato della UE). Per quanto riguarda le competenze di ruolo degli adulti ve ne sono alcune comuni a genitori, insegnanti ed educatori (che citiamo a titolo esemplificativo) quali la competenza educativa (intesa ad es. come l'equilibrato utilizzo delle funzioni normativo-valoriali ed affettivo-relazionali. Queste competenze vanno dalla capacit? di gestire dialetticamente e costruttivamente un conflitto fino alla capacit? di ascolto attivo emotivo dell?altro), la competenza comunicativa (intesa ad es. come l'utilizzo di una comunicazione tendente all'assertivit?, la capacit? chiedere aiuto in modo pertinente, la capacit? di collaborare con altri adulti e strutturare alleanze), la competenza osservativa (la capacit? di leggere segnali di agio e disagio nei minori, la capacit? di leggere richieste di aiuto, la capacit? di riconoscere differenze nei bisogni e nei processi di apprendimento e nei percorsi di vita). Ve ne sono poi alcune specifiche connesse al ruolo docente quali ad esempio le competenze di gestione dell'aula, del gruppo classe, di utilizzo di metodologie didattiche proattive centrate sul soggetto studente (Bandura, 2000).
Il progetto si sviluppa nelle scuole di Melegnano, San Giuliano Milanese e San Donato Milanese, Cerro al Lambro, Vizzolo Predabissi , Carpiano, Colturano, Dresano e San Zenone al Lambro
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
001375_001
Libera compagnia di arti e mestieri sociali
via labriola 30 - san giuliano milanese - 20083 (Milano)
Claudia Ermetici
claudia.ermetici@artiemestierisociali.org
001375_002
Comunita' "Ora blu"
Via Romagna 11 - San Giuliano Milanese - 20098 (Milano)
Raffaella Ruggiu
raffaella.ruggiu@artiemestierisociali.org