X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: Associazione l'orsaminore onlus
Anno Costituzione: 2011
Codice Fiscale: 92556960158
Partita Iva:
Indirizzo: via paolo gorini 21
Città: lodi
Cap: 26900
Provincia: Lo
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: ELENA ALDA MAIOCCHI
Mail legale rappresentante: psicologhe.centroantviolenza@gmail.com
Psicologo Referente: Laura Servidati
Psicologo Referente Email: laura.servidati@libero.it
Mail di riferimento ente: orsaminoreonlus@gmail.com
Pec: orsaminoreonlus@pec.it
Numero di telefono: 3383329960
Indirizzo Web: www.orsaminore.org
Attività psicologica Ente
1)Sostegno psicologico ed elaborazione di percorsi di aiuto e fuoriuscita dalla violenza

E previsto per ogni donna che ne faccia richiesta un pacchetto di n. 10 colloqui per l?elaborazione di un percorso di aiuto che prevede la narrazione della storia di violenza, l?individuazione di strategie per gestire la situazione, la valutazione del rischio attraverso il metodo S.A.R.A (Spousal Assault Risk Assessment), l?accompagnamento, se necessario, ai servizi delle Forze dell?Ordine e socio-sanitari, l?individuazione di idonee strutture nell?eventualità di un necessario allontanamento da casa.

2) Violenza assistita
Colloqui di sostegno psicologico rivolti ai figli che hanno vissuto situazioni di violenza assistita mirati al superamento del trauma conseguente la situazione familiare con l'obiettivo di rielaborare il trauma vissuto, dargli un nome e trovare le parole e le strategie per superarlo; prevenire l'instaurarsi del ciclo familiare della violenza, quindi la riproposizione di modelli violenti.

3)Gruppo di auto mutuo aiuto
Possono parteciparvi tutte le donne che hanno voglia di fare un percorso di consapevolezza della propria situazione di violenza, di condividere la propria storia con altre donne; di capire quello che sta succedendo, scoprire che altre donne vivono esperienze analoghe, condividere la ricerca di soluzioni individuali e collettive per uscire dall'oppressione, permette di alzare la testa e di lasciar spaziare lo sguardo sul mondo e allo stesso tempo di rafforzamento di sé come donna per affrontare la situazione in atto e recuperare le energie per ripartire

3)Prevenzione nelle scuole
Dal 2011 il Centro Antiviolenza promuove e realizza incontri di sensibilizzazione e prevenzione del fenomeno della violenza di genere nelle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio provinciale. E' nella scuola infatti che ragazzi e ragazze compiono un percorso fondamentale di crescita culturale e umana.
Durante questo percorso è possibile e auspicabile prevenire, riconoscere, rimuovere stereotipi comportamentali che determinano la costruzione dei ruoli maschili e femminili.
Il nostro lavoro intende perciò: dar voce ai disagi, anche di chi in qualche modo assiste, agisce o subisce atti di violenza, riflettere sulle dinamiche relazionali del gruppo classe e /o di altri gruppi di appartenenza.

4) Formazione sul territorio
Le operatrici del Centro collaborano alla realizzazione di incontri/corsi di formazione, seminari, convegni specifici sul tema della violenza di genere, rivolti ai soggetti della Rete Territoriale Antiviolenza e a qualsiasi altro soggetto del territorio interessato a sviluppare la tematica.
Progetti Ente
USCIRE DALLA VIOLENZA SI PUO'
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
OBIETTIVI DI TIROCINIO:
1) CONOSCERE IL FENOMENO DELLA VIOLENZA DOMESTICA (la tirocinante verr? formata attraverso un corso specializzato e specifico sulla violenza domestica, stalking, e valutazione dell'alto rischio)
2) PRESA IN CARICO DELLA DONNA VITTIMA DI VIOLENZA (la tirocinante affiancher? come osservatrice la psicologa nei colloqui psicologici alla donna vittima di violenza)
3) VALUTAZIONE DEL RISCHIO DI RECIDIVA (la tirocinante affiancher? come osservatrice la psicologa nei casi di alto rischio della donna nel quale viene somministrato il questionario alto rischio SARA-S strumento validato a livello internazionale)
3)PARTECIPAZIONE AI GRUPPI DI AUTOMUTUO AIUTO (la tirocinante affiancher? come osservatrice la psicologa che gestir? i gruppi di donne vittime di violenza)
4)PARTECIPAZIONE AI GRUPPI DI TERAPEUTICA ARTISTICA (la tirocinante affiancher? come osservatrice la psicologa nei laboratori di arte terapia per le donne vittime di violenza)
5) PARTECIPAZIONE ALLE ATTIVITA' DI EQUIPE, SUPERVISIONE, E FORMAZIONE TRASVERSALE (la tirocinante parteciper? settimanalmente alle riunioni d'equip? in cui vengono portati all'attenzione e valutati tutti i casi delle donne vittime di violenza e il loro percorso di fuori uscita, si lavora in rete con forze dell'ordine e servizi sociali e enti di vario genere) inoltre parteciper? agli incontri di supervisione e alle formazioni varie previste durante l'anno.
-
io - te= pari
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia clinica
OBIETTIVI PROGETTUALI:
Dare inizio ad un cambiamento culturale, che se realizzato gi? nel periodo della scuola primaria attraverso il gioco e la narrazione pu? condurre a contrastare gli stereotipi, la loro trasmissione e formazione.
Stimolare la riflessione sulle differenze di genere attraverso il gioco del ?brain storming?.
Stimolare l'apertura mentale dei ragazzi educandoli alla individuazione degli stereotipi attraverso una fase di lettura con racconti sulla storia e l'evoluzione della figura femminile.
Verificare l'interiorizzazione di ruoli stereotipati dei ragazzi. Far riflettere i ragazzi sulla propria identit? di genere e sulle proprie aspirazioni e desideri; sensibilizzare per far riconoscere e comprendere i concetti di diversit?, pregiudizio, stereotipo di vita quotidiana e nella cultura diffusa.
Stimolare alla consapevolezza dell'ineguale divisione fra donne e uomini per arrivare al rispetto reciproco, considerando le diversit? etniche, religiose e culturali, realt? che si fa sempre pi? marcata sul nostro territorio vista la crescita costante di famiglie provenienti da altri paesi.
Favorire un'azione educativa finalizzata a superare la divisione dei ruoli tra uomini e donne nei compiti quotidiani.

IL PROGETTO PREVEDE INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE E FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL LODIGIANO SUL TEMA DELLA VIOLENZA DOMESTICA, GLI STEREOTIPI E I PREGIUDIZI DI GENERE, IL RICONOSCIMENTO DEI CAMPANELLI D'ALLARME ALL'INTERNO DELLA COPPIA ADOLESCENZIALE.
IL PERCORSO PREVEDE PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI,
LA REALIZZAZIONE DI DUE INCONTRI PER CLASSE, RIUNIONE D'EQUIPE E MONITORAGGIO CON I REFERNTI DEGLI ISTITUTI, AFFIANCAMENTO ALLE PSICOLOGHE NELLA COSTRUZIONE DEI PERCOSI DI AIUTO, PARTECIPAZIONE COME OSSERVATRICE AI GRUPPI DI AUTOMUTUO AIUTO, AFFICARE LE OPERATRICE NELLA RACCOLTA DEI DATI.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
001648_001
CENTRO ANTIVIOLENZA LA META' DI NIENTE
VIA PAOLO GORINI 21 - LODI - 26900 (LO)
LAURA SERVIDATI
laura.servidati@libero.it