X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: ABIBO'
Anno Costituzione: 2010
Codice Fiscale: 93012660135
Partita Iva:
Indirizzo: Via lazzaretto,02
Città: asso
Cap: 22033
Provincia: Como
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: Sofia Francesca Wenk
Mail legale rappresentante: sofia.wenk@hotmail.it
Psicologo Referente: Elena Rovagnati
Psicologo Referente Email: elena.rovagnati@teletu.it
Mail di riferimento ente: abibo.ass@gmail.com
Pec:
Numero di telefono: 3356344104
Indirizzo Web:
Attività psicologica Ente
Abibò è un' associazione di genitori, senza scopo di lucro, che svolge attività di sostegno alla genitorialità e che ha come finalità:
- sostenere i genitori e la famiglia ponendosi come punto di incontro, di confronto e di socializzazione;
- promuovere una cultura di rispetto dei diritti dell'infanzia,
- promuovere la salute psico fisica dei bambini
- sostenere i genitori nelle problematiche legate alla gestione della famiglia anche attraverso l'attivazione di nidi famiglia, micronidi, centri per la prima infanzia e progetti di educazione outdoor
l'attività dell'ente si sviluppa soprattutto nell'ambito della relazione genitore/bambino nei primi anni di vita, attualmente sono attivi i seguenti servizi:
- spazio gioco rivolto a genitori e bambini nella fascia di età 0 6 anni,
- laboratorio di socializzazione per bambini da 1 a 6 anni,
- corsi di psicomotricità,
- sportello d'ascolto rivolto ai genitori.
- progetto di educazione outdoor
l'attività psicologica consiste in:
- divulgazione sul tema del benessere psicologico del bambino rivolta a genitori ed addetti all'infanzia,
- supervisione all'equipe di lavoro composta da educatori, pedagogisti e psicomotricisti
- prevenzione e individuazione del disagio nella relazione genitore/bambino
Progetti Ente
intervento psicologico presso l'associazione Abibò
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
il progetto prevede:

1. SUPERVISIONE ALL'ATTIVITA' DEGLI OPERATORI
La supervisione si attua in tre differenti setting:
- riunioni periodiche durante le quali vengono analizzate eventuali difficoltà relazionali all'interno del gruppo, ed eventuali problemi di relazione con l'utenza. Si elaboreranno delle strategie di risoluzione delle problematiche emergenti, lo psicologo sosterrà gli operatori nell'elaborazione dei propri vissuti, per migliorare la qualità delle relazioni interne ed esterne al gruppo di lavoro.
- Osservazione durante le attività con l'obiettivo di osservare la relazione bambino-operatore e/o bambino-genitore e/o genitore-operatore, per individuare eventuali criticità e migliorare la qualità del servizio.
- Osservazione dei gruppi di psicomotricità educativa con l'obiettivo di valutare il funzionamento dei bambini, al fine di integrare la visione dello psicomotricista nell'individuare le situazioni che necessitano di una presa in carico terapeutica.

2. SPORTELLO PSICOLOGICO D'ASCOLTO
Lo sportello si propone come uno spazio aperto all'ascolto e alla riflessione congiunta e partecipata rispetto a difficoltà relazionali e/o comportamentali che i genitori incontrano nell'educazione del bambino. Gli utenti possano trovare un luogo in cui esprimere il proprio disagio in assenza di giudizio e vengono aiutati ad attivare le proprie risorse. Il compito dello psicologo è quello di offrire aiuto e sostegno nella definizione del problema, nella comprensione di bisogni emergenti e di trasformare eventuali difficoltà in possibilità e risorse da attivare.L'obiettivo è quello di fornire agli utenti gli strumenti di lettura e di interpretazione del bisogno reale sotteso al disagio espresso dal bambino, e di svolgere una funzione di filtro e screening precoce di quelle situazioni che richiedono necessariamente una presa in carico di tipo terapeutico, qualora nei colloqui emergesse una problematica che necessita una presa in carico di tipo terapeutico, il compito dello psicologo sarà quello di aiutare e sostenere i genitori nell'individuare le risorse presenti sul territorio per far fronte a tale necessità.

3. INCONTRI DI GRUPPO PER I GENITORI
Gli incontri sono volti a divulgare e promuovere stili di vita positivi e a prevenire comportamenti a rischio, inoltre mirano ad instaurare un clima collaborativo tra le famiglie affinché ognuno possa sentirsi sostenuto e partecipe nel proprio compito di promotore del benessere fisico e psico affettivo dei propri figli.
elaborazione di strumenti di osservazione/valutazione per un progetto sperimentale di educazione outdoor
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
il progetto di outodoor education promosso dall'associazione Abibò si svolge presso un azienda agricola ed è rivolto a bambini dai 3 ai 6 anni.
l'impegno è quello di progettare contesti educativi all?aperto per una didattica oltre l?aula e i banchi.
i contenuti sono:
- Fare esperienze in Natura
- educare al rischio e all?incertezza: sperimentare libertà e affrontare sfide, tra fiducia e avventura
- fare rete coltivare alleanze educative tra scuola, famiglie e servizi del territorio
- costruire e/o utilizzare materiali didattici e di sviluppo per un ambiente maestro
- Progettare esperienze concrete e dirette
- stimolare nel bambino la libera scelta, la curiosità e l?autonomia
- differenziare gli obiettivi secondo percorsi personali
la didattica del progetto è laboratoriale: i bambini apprendono in situazioni di costruzione, di azione diretta nel fare,
nel pensare, nel conoscere, nel relazionarsi, i bambini avranno la possibilità di vivere momenti in cui le attività e ei contenuti saranno diversificati in base al personale sviluppo, i bambini avranno la possibilità di sperimentare attività legate al mondo formale e astratto, ma precedute da materiali ed esperienze concrete, sensoriali ed emozionali.
Elaborare strumenti per una valutazione descrittiva-qualitativa dell?esperienza, dei processi, dei vissuti è sostanziale per una corretto sviluppo della sperimentazione. La finalità della valutazione è quella di individuare le peculiarità , le possibilità e i limiti dell'ambiente outdoor.
l'equipe è multidisplinare ed è composta da psicologo, terapista della neuro-psicomotricità, dott.in scienze e tecniche psicologiche, educatore e pedaogista.
intervento di sostegno alla genitorialità in ambito educativo
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
progetto prevede:

1. SUPERVISIONE ALL'ATTIVITA' DEGLI OPERATORI
La supervisione si attua in tre differenti setting:
- riunioni periodiche durante le quali vengono analizzate eventuali difficoltà relazionali all'interno del gruppo, ed eventuali problemi di relazione con l'utenza. Si elaboreranno delle strategie di risoluzione delle problematiche emergenti, lo psicologo sosterrà gli operatori nell'elaborazione dei propri vissuti, per migliorare la qualità delle relazioni interne ed esterne al gruppo di lavoro.
- Osservazione durante le attività con l'obiettivo di osservare la relazione bambino-operatore e/o bambino-genitore e/o genitore-operatore, per individuare eventuali criticità e migliorare la qualità del servizio.
- Osservazione dei gruppi di psicomotricità educativa con l'obiettivo di valutare il funzionamento dei bambini, al fine di integrare la visione dello psicomotricista.

2. SPORTELLO PSICOLOGICO D'ASCOLTO
Lo sportello si propone come uno spazio aperto all'ascolto e alla riflessione congiunta e partecipata rispetto a difficoltà relazionali e/o comportamentali che i genitori incontrano nell'educazione del bambino. Gli utenti possano trovare un luogo in cui esprimere il proprio disagio in assenza di giudizio e vengono aiutati ad attivare le proprie risorse. Il compito dello psicologo è quello di offrire aiuto e sostegno nella definizione del problema, nella comprensione di bisogni emergenti e di trasformare eventuali difficoltà in possibilità e risorse da attivare.L'obiettivo è quello di fornire agli utenti gli strumenti di lettura e di interpretazione del bisogno reale sotteso al disagio espresso dal bambino, e di svolgere una funzione di filtro e screening precoce di quelle situazioni che richiedono necessariamente una presa in carico di tipo terapeutico, qualora nei colloqui emergesse una problematica che necessita una presa in carico di tipo terapeutico, il compito dello psicologo sarà quello di aiutare e sostenere i genitori nell'individuare le risorse presenti sul territorio per far fronte a tale necessità.

3. INCONTRI DI GRUPPO PER I GENITORI
Gli incontri sono volti a divulgare e promuovere stili di vita positivi e a prevenire comportamenti a rischio, inoltre mirano ad instaurare un clima collaborativo tra le famiglie affinché ognuno possa sentirsi sostenuto e partecipe nel proprio compito di promotore del benessere fisico e psico affettivo dei propri figli.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
001786_002
ABIBO'
via alserio, 25 - ERBA - 22036 (Como)
elena rovagnati
elena.rovagnati@teletu.it