X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: MEDICAL R S.R.L.
Anno Costituzione: 1987
Codice Fiscale: 02353800655
Partita Iva: 02353800655
Indirizzo: VIA SALITA PURGATORIO N. 2
Città: PRIGNANO CILENTO
Cap: 84060
Provincia: SALERNO
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: COCCARO NICOLA
Mail legale rappresentante: MEDICALRADMIN@LIBERO.IT
Psicologo Referente: ESPOSITO CATERINA
Psicologo Referente Email: CATYESPOSITO@LIBERO.IT
Mail di riferimento ente: MEDICALRIABILITAZIONE@OUTLOOK.IT
Pec: MEDICALR@PEC.IT
Numero di telefono: 0974831518
Indirizzo Web:
Attività psicologica Ente
Il Centro si occupa di tutte le problematiche inerenti l'età evolutiva, dall'infanzia all'adolescenza e dell'età adulta. Il servizio psicologico offerto dal centro è volto a valutare le abilità individuali residue dei soggetti nelle aree colpite dalla triade sintomatologica (deficit comunicativo, sociale e immaginativo) e a sostenerle. Lo psicologo nell'ambito della riabilitazione prende in carico l'intero nucleo familiare quindi non solo il bambino ma anche i suoi genitori. Con i bambini l'intervento di tipo cognitivo-comportamentale ha come obiettivo quello di rendere funzionale il comportamento nei compiti della vita quotidiana (alimentazione, igiene, stare all'interno di un gruppo) cercando di ridurre i comportamenti disfunzionali. Tale intervento ha anche l'obiettivo di far acquisire al bambino nuove competenze e nuove abilità cognitive e comportamenti. Vengono inoltre attivati percorsi di Parent Training che hanno la finalità di trasmettere ai genitori competenze specifiche. Uno psicologo opera, inoltre, periodicamente a sostegno degli operatori in sedute di dialogo e confronto in gruppo per prevenire dinamiche conflittuali all?interno del gruppo medesimo. L?approccio psicologico offerto, ad orientamento cognitivo-comportamentale, presuppone una complessa relazione tra emozioni, pensieri e comportamenti; esso evidenzia come i problemi emotivi e le condotte comportamentali problematiche siano in gran parte il prodotto di credenze disfunzionali, di schemi ricorrenti di pensiero che si conservano nel tempo attraverso meccanismi di mantenimento e di difesa. La teoria di fondo sottolinea l?importanza delle distorsioni cognitive e della rappresentazione soggettiva della realtà nell?origine e nel mantenimento della sofferenza e dei disturbi emotivi e comportamentali. Dopo un?attenta analisi della domanda e della situazione portata dalla persona, l?intervento, comprensivo di diverse prassi condivise e co-progettate insieme, mira a promuovere il benessere psicofisico della persona, la capacità di auto-riflessione sulla realtà interna ed esterna, la rielaborazione di modalità di interpretazione e di attribuzione di valore
ristrutturazione di schemi di pensiero utili e funzionali. Gli interventi terapeutici, psicoterapeutici, riabilitativi/abilitativi, focalizzati sul presente, sono concettualizzati come obiettivi concreti, come processi educativi che richiedono una partecipazione attiva della persona coinvolta anche attraverso compiti da svolgere (homeworks) e sono in grado di favorire, nelle diverse fasi evolutive di crescita, lo sviluppo delle capacità di fronteggiare le situazioni in modo utile ed efficace.
Progetti Ente
Autostima, ansia e depressione nell'infanzia e in adolescenza
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il percorso di tirocinio sarà una ricerca per valutare come i bambini possono o già sanno conoscere e riconoscere in se stessi alcune emozioni.
Non sarà impostato come un percorso di ?azione diretta? sulle emozioni (controllare, mediare, dirottare le emozioni ecc.) perché si ritiene prematuro impostare una lavoro didattico su questi aspetti senza avere prima una quadro preciso del grado di conoscenza e ?coscienza? del mondo emozionale dei bambini. Attraverso la partecipazione, l?osservazione e la pratica clinica guidata sotto controllo del tutor, il tirocinante si avvierà ad un percorso di autonomizzazione nell?uso degli strumenti clinici specifici della professione, strumenti indispensabili per arrivare ad una corretta diagnosi differenziale e all?impostazione del piano di trattamento anche multi-disciplinare. Il tirocinante al termine dell?esperienza dovrebbe avere acquisito le principali capacità tipiche della professione, come, ad esempio, saper condurre un colloquio clinico per una raccolta anamnestica completa, saper programmare la sequenza di valutazione e utilizzare gli strumenti clinici adeguati; saper condurre un colloquio di restituzione diagnostica e sapersi interfacciare con l'equipe multidisciplinare, oltre a saper condurre colloqui di supporto psico-pedagogico con gli insegnanti e gli educatori professionali, tutto ciò attraverso la partecipazione ed osservazione diretta del lavoro dello psicologo con casi clinici e la partecipazione alla discussione casi nell?équipe multidisciplinare.
PATOLOGIE DELLO SVILUPPO E PSICOPATOLOGIA IN ETA' EVOLUTIVA
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
L?ambito di questo progetto riguarderà il disagio psichico e delle patologie neuropsichiatriche nell?infanzia e nell?adolescenza, di attività di cura e riabilitazione delle disabilità neuromotorie, psichiche e sensoriali, delle patologie neurologiche, dei disturbi psichici, dei disturbi specifici del linguaggio, dei disturbi generalizzati dello sviluppo e di quelli della sfera affettiva, emozionale e relazionale del bambino, dell?adolescente e del suo nucleo familiare.
Attraverso la partecipazione, l?osservazione e la pratica clinica guidata sotto controllo del tutor, il tirocinante si avvierà ad un percorso di autonomizzazione nell?uso degli strumenti clinici specifici della professione, strumenti indispensabili per arrivare ad una corretta diagnosi differenziale e all?impostazione del piano di trattamento anche multi-disciplinare.
Obiettivi formativi (le patologie per le quali sarà possibile sperimentare i percorsi terapeutici saranno quelle legate alle patologie che afferiranno al Centro nel periodo di tirocinio).
1. impostazione di un corretto iter di valutazione, anche multidisciplinare, per giungere alla definizione del percorso riabilitativo dei disturbi dello sviluppo e dei disturbi psicopatologici in età evolutiva (0-18 anni);
2. formulare corrette diagnosi differenziali sui disturbi dello sviluppo in età evolutiva (specifici quali disturbi di linguaggio e generalizzati, ritardi mentali, ecc.).
Il tirocinante al termine dell?esperienza dovrebbe avere acquisito le seguenti capacità:
1. condurre un colloquio clinico per una raccolta anamnestica completa;
2. programmare la sequenza di valutazione e utilizzare gli strumenti clinici adeguati;
3. condurre colloqui di supporto psico-pedagogico con gli insegnanti e gli educatori professionali.
Attività assegnate ai tirocinanti:
1. partecipazione ed osservazione diretta del lavoro dello psicologo con casi clinici;
2. partecipazione alla discussione casi nell?équipe multidisciplinare;
3. osservazione delle fasi rilevanti del lavoro terapeutico multidisciplinare con alcune patologie specifiche (es. DSA);
4. conduzione diretta (affiancato dal tutor), se possibile e se le competenze professionali acquisite lo consentono, di colloqui di primo accesso, di valutazione ed uso di strumenti di valutazione.
Metodologie utilizzate:
1. Graduale autonomizzazione del tirocinante, partendo dall?osservazione diretta a tutte le fasi del lavoro psicologico fino ad arrivare alla possibilità di condurre in prima persona (affiancato dal tutor) colloqui e valutazione, in relazione alle competenze professionali realmente apprese;
2. partecipazione alla stesura della relazione cliniche e successivamente stesura in autonomia della relazione stessa ;
3. partecipazione ad incontri di discussione tematici sulle varie patologie;
4. partecipazione al lavoro in équipe multidisciplinare;
5. partecipazione agli eventuali eventi di formazione organizzati dalla società.
DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
I Disturbi Specifici dell?Apprendimento (DSA) sono le difficoltà che può presentare il bambino nell?apprendere i normali strumenti scolastici di base, come la lettura, la scrittura e il calcolo, secondo le consuete modalità seguite dalla scuola: difficoltà che si evidenziano con l?ingresso alla scuola primaria.
Attraverso la partecipazione, l?osservazione e la pratica clinica guidata sotto controllo del tutor, il tirocinante si avvierà ad un percorso di autonomizzazione nell?uso degli strumenti clinici specifici della professione, strumenti indispensabili per arrivare ad una corretta diagnosi differenziale e all?impostazione del piano di riabilitazione e definizione degli strumenti compensativi e dispensativi per DSA.
Obiettivi formativi:
1. Sviluppare abilità di osservazione e apprendere la capacità di lavoro in equipe collaborando ed interagendo con diverse figure professionali;
2. impostare un corretto iter di valutazione, anche multidisciplinare, per giungere alla definizione diagnostica (secondo i criteri dell?ICD 10) dei disturbi dell?apprendimento attraverso l?utilizzo del colloquio clinico, dell?osservazione e di strumenti psicometrici;
3. acquisire le competenze di utilizzo di strumenti clinici specifici quali valutazioni cognitive (es WISC IV, WAIS) e valutazione legate all?apprendimento (es MT, DDE 2, ecc.);
4. impostare il piano di riabilitazione e definizione degli strumenti compensativi e dispensativi per DSA.
Il tirocinante al termine dell?esperienza dovrebbe avere acquisito le seguenti capacità:
1. condurre un colloquio clinico per una raccolta anamnestica completa;
2. programmare la sequenza di valutazione e utilizzare gli strumenti clinici anche psicometrici adeguati.
Attività assegnate ai tirocinanti:
1. partecipazione ed osservazione diretta del lavoro dello psicologo con casi clinici, sia nella fase della raccolta dei dati anamnestici sia nella somministrazione degli strumenti psicodiagnostica;
2. partecipazione alla discussione casi nell?équipe multidisciplinare e alla elaborazione e interpretazione dei dati clinici raccolti con la supervisione dello Psicologo tutor;
3. osservazione delle fasi rilevanti del lavoro terapeutico multidisciplinare;
4. conduzione diretta (affiancato dal tutor), se possibile e se le competenze professionali acquisite lo consentono, di colloqui di primo accesso, di valutazione ed uso di strumenti di valutazione.
Metodologie Utilizzate
1. Graduale autonomizzazione del tirocinante, partendo dall?osservazione diretta a tutte le fasi del lavoro psicologico fino ad arrivare alla possibilità di condurre in prima persona (affiancato dal tutor) colloqui e valutazione, in relazione alle competenze professionali realmente apprese;
2. partecipazione alla stesura della relazione cliniche e successivamente stesura in autonomia della relazione stessa;
3. partecipazione ad incontri di discussione tematici sulle varie patologie;
4. partecipazione al lavoro in équipe multidisciplinare;
5. partecipazione agli eventuali eventi di formazione organizzati dalla società.
DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
I Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) sono le difficoltà che può presentare il bambino nell'apprendere i normali strumenti scolastici di base, come la lettura, la scrittura e il calcolo, secondo le consuete modalità seguite dalla scuola: difficoltà che si evidenziano con l'ingresso alla scuola primaria.
Attraverso la partecipazione, l'osservazione e la pratica clinica guidata sotto controllo del tutor, il tirocinante si avvierà ad un percorso di autonomizzazione nell'uso degli strumenti clinici specifici della professione, strumenti indispensabili per arrivare ad una corretta diagnosi differenziale e all'impostazione del piano di riabilitazione e definizione degli strumenti compensativi e dispensativi per DSA.
Obiettivi formativi:
1. Sviluppare abilità di osservazione e apprendere la capacità di lavoro in equipe collaborando ed interagendo con diverse figure professionali;
2. impostare un corretto iter di valutazione, anche multidisciplinare, per giungere alla definizione diagnostica (secondo i criteri dell'ICD 10) dei disturbi dell'apprendimento attraverso l'utilizzo del colloquio clinico, dell'osservazione e di strumenti psicometrici;
3. acquisire le competenze di utilizzo di strumenti clinici specifici quali valutazioni cognitive (es WISC IV, WAIS) e valutazione legate all'apprendimento (es MT, DDE 2, ecc.);
4. impostare il piano di riabilitazione e definizione degli strumenti compensativi e dispensativi per DSA.
Il tirocinante al termine dell'esperienza dovrebbe avere acquisito le seguenti capacità:
1. condurre un colloquio clinico per una raccolta anamnestica completa;
2. programmare la sequenza di valutazione e utilizzare gli strumenti clinici anche psicometrici adeguati.
Attività assegnate ai tirocinanti:
1. partecipazione ed osservazione diretta del lavoro dello psicologo con casi clinici, sia nella fase della raccolta dei dati anamnestici sia nella somministrazione degli strumenti psicodiagnostica;
2. partecipazione alla discussione casi nell'équipe multidisciplinare e alla elaborazione e interpretazione dei dati clinici raccolti con la supervisione dello Psicologo tutor;
3. osservazione delle fasi rilevanti del lavoro terapeutico multidisciplinare;
4. conduzione diretta (affiancato dal tutor), se possibile e se le competenze professionali acquisite lo consentono, di colloqui di primo accesso, di valutazione ed uso di strumenti di valutazione.
Metodologie Utilizzate
1. Graduale autonomizzazione del tirocinante, partendo dall'osservazione diretta a tutte le fasi del lavoro psicologico fino ad arrivare alla possibilità di condurre in prima persona (affiancato dal tutor) colloqui e valutazione, in relazione alle competenze professionali realmente apprese;
2. partecipazione alla stesura della relazione cliniche e successivamente stesura in autonomia della relazione stessa;
3. partecipazione ad incontri di discussione tematici sulle varie patologie;
4. partecipazione al lavoro in équipe multidisciplinare;
5. partecipazione agli eventuali eventi di formazione organizzati dalla società.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
002487_001
MEDICAL R S.R.L.
VIA SALITA PURGATORIO N. 2 - PRIGNANO CILENTO - 84060 (SALERNO)
ESPOSITO CATERINA
CATYESPOSITO@LIBERO.IT