X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: Ospedale Pediatrico BAMBINO GESU'
Anno Costituzione: 1989
Codice Fiscale: 80403930581
Partita Iva: 80403930581
Indirizzo: piazza Sant'Onofrio, 4
Città: Roma
Cap: 00165
Provincia: RM
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: Mariella Enoc
Mail legale rappresentante: presidenza@opbg.net
Psicologo Referente: Deny Menghini
Psicologo Referente Email: deny.menghini@opbg.net
Mail di riferimento ente: presidenza@opbg.net
Pec: presidenza@opbg.net
Numero di telefono: 0668591
Indirizzo Web: www.ospedalebambinogesu.it
Attività psicologica Ente
-L'ente si occupa della valutazione clinica dei disturbi del Neurosviluppo e psicopatologici dell'età evolutiva.
In particolare, per quanto riguarda i disturbi del neurosviluppo all'Ente afferiscono bambini che necessitano di un inquadramento clinico per sospetto disturbo da deficit di attenzione e iperattività, disturbo dello spettro dell'autismo, disturbo di linguaggio, disabilità intellettiva e sindromi genetiche, disturbi specifici di apprendimento. Rispetto alla valutazione di bambini con disturbi psicopatologici, l'Ente si occupa dell'inquadramento diagnostico dei disturbi d'ansia, depressivi, esordi psicotici, disturbi alimentari, disturbi di adattamento e di carenza delle cure.
Per la definizione dell'inquadramento diagnostico e del piano terapeutico si avvale dei colloqui clinici per l'indagine anamnesica, impiega questionari, interviste semistrutturate e test cognitivi e neuropsicologici.
L'Ente svolge anche attività di ricerca per provare l'efficacia di trattamenti sperimentali e basati sull'evidenza sui disturbi alimentari, disturbi di apprendimento, sindromi genetiche, autismo, deficit di attenzione e iperattività, violenza assistita e carenza delle cure. In particolare, propone interventi che si avvalgono della stimolazione cerebrale non invasiva (per la cura dei disturbi alimentari, dei disturbi da deficit di attenzione e iperattività e dei disturbi di apprendimento), di tecniche come la meditazione mindfulness (per i disturbi da deficit di attenzione e iperattività), di terapie mediate dai genitori e di interventi che si avvalgono del contributo dei genitori con metodologie psicoeducative e di sostegno (per pazienti affetti da autismo, disabilità intellettiva o che presentano reazioni di adattamento.
Progetti Ente
Progetto Psicologia dello sviluppo
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
L'obiettivo formativo consiste nell'osservare la valutazione clinica dei disturbi del Neurosviluppo e psicopatologici dell'età evolutiva.
In particolare, per quanto riguarda i disturbi del neurosviluppo il tirocinante osserverà i bambini che necessitano di un inquadramento clinico per sospetto disturbo da deficit di attenzione e iperattività, disturbo dello spettro dell'autismo, disturbo di linguaggio, disabilità intellettiva e sindromi genetiche, disturbi specifici di apprendimento. Rispetto alla valutazione di bambini con disturbi psicopatologici, il tirocinante si occuperà di osservare l'inquadramento diagnostico dei disturbi d'ansia, depressivi, esordi psicotici, disturbi alimentari, disturbi di adattamento e di carenza delle cure.
Per la definizione dell'inquadramento diagnostico e del piano terapeutico, il tirocinante osserverà i colloqui clinici per l'indagine anamnesica, i questionari, le interviste semistrutturate e i test cognitivi e neuropsicologici.
Il tirocinante osserverà anche l'attività di ricerca dell'Ente per provare l'efficacia di trattamenti sperimentali e basati sull'evidenza sui disturbi alimentari, disturbi di apprendimento, sindromi genetiche, autismo, deficit di attenzione e iperattività, violenza assistita e carenza delle cure. In particolare, il tirocinante osserverà gli interventi che si avvalgono della stimolazione cerebrale non invasiva (per la cura dei disturbi alimentari, dei disturbi da deficit di attenzione e iperattività e dei disturbi di apprendimento), di tecniche come la meditazione mindfulness (per i disturbi da deficit di attenzione e iperattività), di terapie mediate dai genitori e di interventi che si avvalgono del contributo dei genitori con metodologie psicoeducative e di sostegno (per pazienti affetti da autismo, disabilità intellettiva o che presentano reazioni di adattamento.
Valutazione del quadro neurospicologico e psicopatologico del bambino e dell'adolescente
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
L'obiettivo formativo consiste nell'osservare la valutazione clinica dei disturbi del Neurosviluppo e psicopatologici dell'età evolutiva.
In particolare, per quanto riguarda i disturbi del neurosviluppo il tirocinante osserverà i bambini che necessitano di un inquadramento clinico per sospetto disturbo da deficit di attenzione e iperattività, disturbo dello spettro dell'autismo, disturbo di linguaggio, disabilità intellettiva e sindromi genetiche, disturbi specifici di apprendimento. Rispetto alla valutazione di bambini con disturbi psicopatologici, il tirocinante si occuperà di osservare l'inquadramento diagnostico dei disturbi d'ansia, depressivi, esordi psicotici, disturbi alimentari, disturbi di adattamento e di carenza delle cure.
Per la definizione dell'inquadramento diagnostico e del piano terapeutico, il tirocinante osserverà i colloqui clinici per l'indagine anamnesica, i questionari, le interviste semistrutturate e i test cognitivi e neuropsicologici.
Il tirocinante osserverà anche l'attività di ricerca dell'Ente per provare l'efficacia di trattamenti sperimentali e basati sull'evidenza sui disturbi alimentari, disturbi di apprendimento, sindromi genetiche, autismo, deficit di attenzione e iperattività, violenza assistita e carenza delle cure. In particolare, il tirocinante osserverà gli interventi che si avvalgono della stimolazione cerebrale non invasiva (per la cura dei disturbi alimentari, dei disturbi da deficit di attenzione e iperattività e dei disturbi di apprendimento), di tecniche come la meditazione mindfulness (per i disturbi da deficit di attenzione e iperattività), di terapie mediate dai genitori e di interventi che si avvalgono del contributo dei genitori con metodologie psicoeducative e di sostegno (per pazienti affetti da autismo, disabilità intellettiva o che presentano reazioni di adattamento.
Valutazione e inquadramento diagnostico del bambino con disturbi del neurosviluppo e psicopatologici
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo B
Area Discipinare: Psicologia clinica
L'obiettivo formativo consiste nell'osservare la valutazione clinica dei disturbi del Neurosviluppo e psicopatologici dell'età evolutiva.
In particolare, per quanto riguarda i disturbi del neurosviluppo il tirocinante osserverà i bambini che necessitano di un inquadramento clinico per sospetto disturbo da deficit di attenzione e iperattività, disturbo dello spettro dell'autismo, disturbo di linguaggio, disabilità intellettiva e sindromi genetiche, disturbi specifici di apprendimento. Rispetto alla valutazione di bambini con disturbi psicopatologici, il tirocinante si occuperà di osservare l'inquadramento diagnostico dei disturbi d'ansia, depressivi, esordi psicotici, disturbi alimentari, disturbi di adattamento e di carenza delle cure.
Per la definizione dell'inquadramento diagnostico e del piano terapeutico, il tirocinante osserverà i colloqui clinici per l'indagine anamnesica, i questionari, le interviste semistrutturate e i test cognitivi e neuropsicologici.
Il tirocinante osserverà anche l'attività di ricerca dell'Ente per provare l'efficacia di trattamenti sperimentali e basati sull'evidenza sui disturbi alimentari, disturbi di apprendimento, sindromi genetiche, autismo, deficit di attenzione e iperattività, violenza assistita e carenza delle cure. In particolare, il tirocinante osserverà gli interventi che si avvalgono della stimolazione cerebrale non invasiva (per la cura dei disturbi alimentari, dei disturbi da deficit di attenzione e iperattività e dei disturbi di apprendimento), di tecniche come la meditazione mindfulness (per i disturbi da deficit di attenzione e iperattività), di terapie mediate dai genitori e di interventi che si avvalgono del contributo dei genitori con metodologie psicoeducative e di sostegno (per pazienti affetti da autismo, disabilità intellettiva o che presentano reazioni di adattamento.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
S000541_001
U.O.C. Neuropsichiatria infantile
viale Baldelli 41, 00165, Roma - Roma - 00146 (roma)
Deny Menghini
deny.menghini@opbg.net
S000541_002
U.O.C. Neuropsichiatria infantile
piazza Sant'Onofrio, 4, 00165, Roma - Roma - 00165 (roma)
Milena Labonia
milena.labonia@opbg.net