X Il sito opl.it utilizza cookie tecnici e di terze parti per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualsiasi suo elemento acconsenti all'uso dei cookie
icona loading
NoMessaggio
X
NoMessaggio
X
Anagrafica e riferimenti Ente
ANAGRAFICA
Nome Ente: Ospedale San Raffaele srl
Anno Costituzione: 1972
Codice Fiscale: 07636600962
Partita Iva: 07636600962
Indirizzo: via Olgettina, 60
Città: Milano
Cap: 20132
Provincia: MI
RIFERIMENTI ENTE
Nome legale rappresentante: Ing. Elena Bottinelli
Mail legale rappresentante: non disponibile
Psicologo Referente: non presente
Psicologo Referente Email: non presente
Mail di riferimento ente: stage.tirocini@unisr.it
Pec:
Numero di telefono: 02-26431
Indirizzo Web: www.hsr.it
Attività psicologica Ente
L’IRCCS Ospedale San Raffaele È una struttura clinica-scientifica-universitaria di rilievo internazionale e di alta specializzazione per diverse importanti patologie, inaugurata nel 1971 e riconosciuta nel 1972 “Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico” (IRCCS).

Altre strutture collegate sono l’IRCCS San Raffaele Turro e i poliambulatori Cardinal Schuster e San Donato Milanese, per un totale di 1.318 posti letto .

Nel 2015 sono stati effettuati complessivamente circa 35.000 interventi chirurgici, 44.628 ricoveri, 950.531 prestazioni ambulatoriali e oltre 66.600 accessi al Pronto Soccorso. Il San Raffaele È un Centro di Emergenza ad Alta Specialità  (EAS).

Nell’ambito della Ricerca, dal 2001 l’IRCCS Ospedale San Raffaele È riconosciuto dal Ministero della Salute come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per la specialità  di Medicina Molecolare. Nel 2015 sono stati pubblicati 1163 articoli sulle più importanti riviste scientifiche internazionali.

La tematica della Medicina Molecolare È sempre stata l’elemento caratterizzante di questa Istituzione che ha scelto di focalizzare verso la comprensione dei processi molecolari e le applicazioni mediche delle scoperte della biologia molecolare con lo scopo di sviluppare terapie innovative per le patologie del sistema nervoso centrale e periferico, dell’apparato cardiovascolare e del metabolismo, per le patologie tumorali, le malattie infettive e immunomediate, le malattie genetiche e le malattie rare e per lo sviluppo di tecnologie nell’ambito della genomica e della diagnostica per immagini.

Il San Raffaele È polo didattico-assistenziale dell’Università  Vita-Salute San Raffaele, sede delle Facoltà  di Medicina e Chirurgia, di Psicologia, dei corsi di laurea delle professioni sanitarie nonchà©, dal 2010, del corso di Laurea internazionale in Medicina e Chirurgia International Medical Doctor Program.
















Progetti Ente
Progetto di Tirocinio post lauream - Servizio di Psicologia del Reparto di Pediatria
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
Il Servizio di Psicologia del reparto di Pediatria dell'Ospedale San Raffaele di Milano svolge le attività di diagnosi, supporto e follow-up di aspetti psicologici di minori affetti da patologie acute e/o croniche, in regime di ricovero, ambulatoriale o di Day-Hospital. L'intervento clinico include anche interventi rivolti alle famiglie: colloqui clinici con i genitori, sessioni di gruppo con genitori con figli affetti da patologie croniche
Il tirocinante, guidato dal tutor, avrà la possibilità di acquisire la conoscenza di aspetti evolutivi di bambini di diverse fasce d?età e di poter comprendere come l'insorgenza di una patologia possa influire sul suo sviluppo (legame mente ?corpo).
Nello specifico svolge:
? Approfondimento degli aspetti psicologici inerenti il disagio psichico associato a patologie croniche insorte nell'infanzia e nell'adolescenza.
? Comprensione delle disabilità neuromotorie, sensoriali dell'apprendimento e del linguaggio.
? Partecipazione a programmi di intervento psicologico mirato in collaborazione con altre Servizi (Associazioni, Servizi Sociali?).
? Follow-up dello sviluppo cognitivo in pazienti affetti da patologie croniche.
? Follow-up dello sviluppo emotivo-affettivo in pazienti affetti da patologie croniche e transitorie.
Obiettivi di apprendimento per il tirocinante:
? Sviluppare le capacità osservative, empatiche, di ascolto e di riconoscimento del proprio coinvolgimento emotivo.
? Sviluppare la capacità di analizzare i dati raccolti, organizzarli per formulare ipotesi diagnostiche e di intervento psicologico.
? Sviluppare la capacità di lavoro in equipe, attraverso il confronto e l'approfondimento dei casi clinici.
Principali attività assegnate al tirocinante
? Partecipazione ai colloqui clinici, alla somministrazione e analisi degli strumenti psicometrici utilizzati.
? Somministrazione di questionari agli utenti del Servizio di Psicologia: bambini e adolescenti seguiti in follow-up in quanto affetti da patologie croniche e genitori
? Approfondimenti specifici (es. ricerche bibliografiche,?) su tematiche legate all'età evolutiva e alla patologia
? Partecipazione ad interventi mirati promossi all'interno del Servizio.
? Partecipazione agli incontri d'equipe e discussione dei casi con il medico
? Partecipazione alle riunioni d'equipe del Servizio di Psicologia, finalizzate al discussione dei casi clinici e alla valutazione dell'efficacia degli interventi.
? Partecipazione a seminari, corsi di formazione, organizzati nell'ambito del Dipartimento Materno infantile.
Competenze in Psicodiagnosi
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
La psicodiagnosi rappresenta una delle sfide più difficili per un neo laureato. Infatti, accanto alle competenze di base acquisite durante l'iter di studi sui metodi diagnostici e sulla psicopatologia rimane una profonda lacuna sulla possibilità di mettere in pratica direttamente con i pazienti quanto appreso. D?altro canto la possibilità di effettuare una diagnosi è, accanto al sostegno ed al counselling, la prima possibilità professionale a cui il neo psicologo si affaccia dopo l'Esame di Stato.
Essenziale nell'apprendimento dei processi psicodiagnostici è la possibilità di affiancare il tutor nella sua normale attività.
Per questo motivo sono previste:
- Un numero di ore congrue in cui i candidato possa osservare il o i Tutor durante colloqui psicodiagnostici
- Il candidato deve poter partecipare al processo decisionale nel definire gli strumenti utilizzati nella diagnosi (test, reattivi e colloqui di approfondimento): in questa fase sarà essenziale che il tutor presenti chiaramente le ipotesi diagnostiche che motivano le scelte .
- Il candidato dovrebbe seguire il paziente nell'iter diagnostico: applicazione dei reattivi
- Il candidato dovrebbe partecipare allo scoring, alla valutazione dei reattivi.
- Il candidato dovrebbe essere presente e collaborare attivamente alla redazione (sotto la responsabilità del tutor) della restituzione e dell'eventuale progetto terapeutico
- E? essenziale che il candidato presenzi alla restituzione del materiale al paziente ad opera del Tutor.
- Il candidato, oltre ad osservare le attività condotte dal Tutor, sarà coinvolto in discussioni di equipe sui casi in oggetto di valutazione e su casi che non ha osservato direttamente per ampliare attraverso il confronto.
Psichiatria e psicobiologia clinica
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
Presso l'unità di Psichiatria e Psicobiologia Clinica della Divisione di Neuroscienze sono disponibili sei posizioni di tirocinio post-laurea magistrale. Gli scopi delle nostre attività di ricerca includono la definizione dei determinanti biochimici, fisiologici, genetici, psicologici, e sociali del comportamento umano; la definizione e la valutazione di nuovi trattamenti psichiatrici somatici e non; la valutazione degli stati soggettivi nel campo della psichiatria clinica. Il programma delle attività di tirocinio in psicologia coincide con i progetti di ricerca in atto presso l'unità, ed è quindi orientato alla applicazione della psicologia alle neuroscienze cliniche. In questo campo, i nostri interessi si rivolgono principalmente allo studio dei correlati cerebrali della psicopatologia e della esposizione ad esperienze infantili avverse mediante tecniche di neuroimaging quantitativo, indagando temi di psicologia cognitiva, cognizione sociale, teoria della mente, regolazione emotiva e affettiva.
Le attività di interesse per il tirocinante comprendono sia assessment e scoring di batterie testali relative alla valutazione della personalità, delle funzioni neuropsicologiche, di misure di interesse psicologico e psicopatologico; sia il diretto coinvolgimento nelle attività di ricerca di neuroimaging, con possibilità di maturare competenze nel campo della analisi dei biosegnali acquisiti mediante risonanza magnetica funzionale e strutturale. Nell'assistere al lavoro quotidiano dei ricercatori, i dottori tirocinanti potranno osservare come si costruisce e si realizza un progetto di ricerca, e come se ne presentano i risultati a congressi e in articoli scientifici. In parallelo alle attività di ricerca, è ammessa la partecipazione del tirocinante ad attività cliniche in collaborazione con alcune unità dell'ospedale, seguendo colloqui e attività riabilitative e neuro-riabilitative nel paziente psichiatrico.
I candidati ideali sono interessati alla ricerca scientifica, motivati ad apprendere nuove tecniche, e capaci di integrarsi in un gruppo di lavoro collaborativo. Costituiscono titoli preferenziali (ma non indispensabili) per l'accesso al tirocinio: la conoscenza di programmi per la analisi statistica dei dati; precedenti esperienze nel settore; conoscenza della lingua inglese.
TIROCINIO IN PSICOLOGIA U.O. DISTURBI DELL?UMORE
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
COMPETENZE DI BASE DA SVILUPPARE
- Conoscenza di: eziopatogenesi, classificazione, sintomatologia, diagnosi, linee guida di terapia dei disturbi dell'umore (disturbo unipolare e disturbo bipolare) e dei principali disturbi che si possono associare in comorbidità, quali ad esempio disturbi di personalità, disturbi d?ansia, disturbi del comportamento alimentare.
COMPETENZE TECNICO-PROFESSIONALI DA SVILUPPARE
- Conoscenza e capacità di comprensione: acquisizione di competenze teoriche e pratiche atte all'utilizzo delle seguenti valutazione testali: test neuropsicologici (MODA, MMSE, BACS), scale di livello (WAIS-R), batterie neuropsicologiche composte da test atti ad indagare specifiche abilità cognitive e test psicodiagnostici (Y-BOCS;SCID-II)
- Autonomia di giudizio: essere in grado di differenziare le diverse tipologie degli strumenti di misura
- Acquisizione di competenze tecnico-professionali nella somministrazione, scoring ed interpretazione dei risultati ottenuti dalle indagini testali
- Capacità di utilizzare un linguaggio tecnico per il testing psicologico
- Capacità di apprendimento: approfondire le conoscenze attraverso la consultazione dei manuali degli strumenti utilizzati e saper inquadrare gli esiti delle indagini testali all'interno del quadro clinico personologico, neuropsicologico o di livello ai fini di produrre una valutazione finale.
- Competenze teorico-tecniche ai fini di acquisire abilità nella conduzione del colloquio clinico
- Capacità di produrre relazioni cliniche che prevedano sia la diagnosi clinica che la diagnosi funzionale
- Capacità di produrre relazioni cliniche adeguate alla comunicazione con colleghi ed altre figure professionali presenti all'interno dell'Unità Operativa dei Disturbi dell'Umore, quali ad esempio medico psichiatra, infermiere professionale, educatore professionale, tecnico della riabilitazione psichiatrica.

ATTIVITA? FORMATIVE PREVISTE
- Discussione di casi clinici complessi (pazienti che presentano in comorbidità un altro disturbo quale ad esempio un disturbo di personalità)
- Partecipazione alla somministrazione in sede di U.O. di valutazioni testali: neuropsicologiche, di livello, psicodiagnostiche.
- Partecipazione a conduzione di colloqui clinici in sede di U.O.
- Partecipazione a riunioni di equipe multidisciplinare all'interno dell'Unità Operativa dei Disturbi dell'Umore sui casi clinici complessi
- Partecipazione ad attività psicoeducative di gruppo in sede di ricovero, quali ad esempio Danza Movimento Terapia, gruppi psicoeducazionali sui disturbi dell'umore per i pazienti e per i familiari dei pazienti afferenti all'Unità Operativa dei Disturbi dell'Umore.
Neuropsicologia dell'età evolutiva
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
L'attività clinica dedicata alla Neuropsicologia dell'età evolutiva è rivolta allo svolgimento di valutazioni dello sviluppo cognitivo, comportamentale e di linguaggio in diverse fasce d?età, specifiche a seconda delle patologie trattate, lavorando in sinergia con i neurologi e i pediatri dell'ospedale.
L'attività del servizio è dedicata a tutti i bambini nati pretermine o con patologie neurologiche (ad es. emorragie e malformazioni cerebrali, epilessia) anomalie o sindromi genetiche, infezioni della gravidanza (toxoplasmosi, citomegalovirus), che possono in misura differente interferire con l'acquisizione delle tappe psicomotorie. L'obiettivo è sempre quello di fornire indicazioni tempestive ai genitori sulle attività di potenziamento che possono svolgere in termini preventivi ed indirizzarli a percorsi terapeutici tempestivi, se ve ne sia la necessità, al fine d?intervenire precocemente quando le funzioni sono in via di acquisizione.
In particolare è attivo un follow-up ambulatoriale dedicato ai piccolissimi che permette di monitorare l'acquisizione delle tappe psicomotorie a partire dai sei mesi d?età mediante l'esperienza clinica e la somministrazione di scale standardizzate (es. Bayley Scales of Infant and Toddler Development-III). L'attività ambulatoriale e quella nel reparto di Pediatria dell'Ospedale è rivolta anche all'età prescolare e scolare, al fine di svolgere valutazioni relative alle capacità di ragionamento logico, di attenzione e iperattività, delle abilità visuo-spaziali e di coordinazione motoria, di sviluppo del linguaggio e degli apprendimenti scolastici in bambini e ragazzi attraverso l'uso di strumenti come le scale intellettive WPPSI-III, WISC-IV, WAIS-IV, batterie neuropsicologiche come la scala NEPSY , test neuropsicologici specifici quali VMI, Test delle campanelle, Torre di Londra e test di linguaggio quali TROG-2, Peabody, CMF etc.
Il tirocinante apprenderà diverse competenze cliniche e relazionali, unitamente alla capacità d'interagire con diverse figure mediche e non. Sarà possibile osservare e apprendere la somministrazione testale e la stesura di relazioni cliniche acquisendo una maggiore capacità critica e di ragionamento, fondamentali nello svolgimento dell'attività diagnostica e valutativa in età evolutiva.
Teoria e pratica della ricerca psicologica e neuropsicologica in ambito neurologico e neuroriabilitativo
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
L'attività formativa consiste nell'osservazione delle attività svolte all'interno del Servizio di Psicologia e Neuropsicologia; il Servizio è dedicato alla presa in carico di persone ricoverate presso le Divisioni di Neurologia e di Riabilitazione Specialistica del Dipartimento Neurologico ed afferenti agli ambulatori della stessa Divisione dell'Ospedale San Raffaele di Milano.
L'utenza del Servizio è costituita, per la maggior parte, da persone adulte affette da patologie neurologiche sia acute (Stroke, encefalopatie) che croniche e neurodegenerative (Sclerosi Multipla, Malattia di Parkinson, Malattia di Alzheimer). Un?area del Servizio è dedicata alla consultazione di minori afferenti alla Neurologia Pediatrica e si dedica alla valutazione dello sviluppo cognitivo e psicologico di bimbi nati pretermine o affetti da patologie neurologiche perinatali o genetiche.
Il tirocinante prenderà confidenza con le basi teoriche della neuropsicologia e con la scelta degli strumenti utili alla valutazione neuropsicologica formale; potrà comprendere meglio il funzionamento cognitivo in situazioni di normalità nonché l'espressione di sintomi cognitivi nelle patologie neurologiche acute e croniche con particolare attenzione alla interazione funzionale delle aree cognitive coinvolte ed alla peculiarità del singolo, dipendente anche da aspetti comportamentali e dalla identità personale. Attraverso la collaborazione con i colleghi neurologi potrà, inoltre, entrare in confidenza con il significato di altri strumenti diagnostici (RMN, PET, stc.) ed apprendere la modalità di gestione di progetti di ricerca condivisi. L'attività di ricerca si concentra, soprattutto, sulla verifica dell'efficacia degli interventi psicologici e riabilitativi, in persone affette da patologie neurologiche, sull'incidenza e sull'andamento dei disordini cognitivi in patologie neurologiche come la Sclerosi Multipla e sull'efficacia dei trattamenti farmacologici nelle patologie neurodegenerative, relativamente alla funzionalità cognitiva.
L'esperienza comprende, inoltre, la partecipazione ad attività di ricerca clinica in ambito neuropsicologico con attenzione all'impostazione del progetto sperimentale, in termini di metodo e scelta dei materiali, gestione del progetto ed interpretazione dei risultati.
E? prevista la partecipazione ad incontri d?equipe a contenuto clinico e di ricerca ? casi clinici in ambito neurologico ? che a contenuto organizzativo e gestionale dell'attività clinica e di ricerca sia relativamente al Servizio che in modalità interdisciplinare.
L?attività dello psicologo in ambito neurologico e neuroriabilitativo ? strumenti valutativi e pratica clinica
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
L'attività formativa consiste nell'osservazione delle attività svolte all'interno del Servizio di Psicologia e Neuropsicologia; il Servizio è dedicato alla valutazione e presa in carico di persone ricoverate presso le Divisioni di Neurologia e di Riabilitazione Specialistica del Dipartimento Neurologico ed afferenti agli ambulatori della stessa Divisione dell'Ospedale San Raffaele di Milano.
L'utenza del Servizio è costituita, per la maggior parte, da persone adulte affette da patologie neurologiche sia acute (Stroke, encefalopatie) che croniche e neurodegenerative (Sclerosi Multipla, Malattia di Parkinson, Malattia di Alzheimer). Un?area del Servizio è dedicata alla consultazione di minori afferenti alla Neurologia Pediatrica e si dedica alla valutazione dello sviluppo cognitivo e psicologico di bimbi nati pretermine o affetti da patologie neurologiche perinatali o genetiche.
La suddetta esperienza sarà volta all'apprendimento delle procedure di valutazione neuropsicologica e psicodiagnostica, comprendente la comprensione delle basi teoriche, la modalità di somministrazione ed interpretazione degli strumenti psicometrici e la gestione della relazione con il paziente. Verranno acquisite le modalità di stesura delle relazioni cliniche sia in ambito neuropsicologico che psicodiagnostico. Il tirocinante potrà, inoltre, osservare la presa in carico dei pazienti ricoverati presso la Divisione di Riabilitazione Specialistica prendendo confidenza con l'impostazione, l'esecuzione e la verifica dell'efficacia di programmi di riabilitazione cognitiva (riabilitazione linguaggio, neglect, attenzione e memoria etc.) e di supporto psicologico rivolto a persone che presentino difficoltà d?adattamento o sintomatologia psicopatologica interferente con il benessere generale.
E? prevista, inoltre, la partecipazione ad incontri d?equipe sia a contenuto clinico ? casi clinici in ambito neurologico ? che a contenuto organizzativo e gestionale dell'attività clinica sia in ambito del Servizio che in ambito interdisciplinare.
Indagine dei meccanismi strutturali e funzionali sottostanti il decadimento cognitivo nei pazienti con sclerosi multipla mediante l?utilizzo di tecniche avanzate di neuroimaging.
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
La sclerosi multipla (SM) ? una malattia demielinizzante del sistema nervoso centrale, caratterizzata in prevalenza da lesioni infiammatorie all'interno della sostanza bianca, cui spesso si associa un danno della sostanza grigia corticale e sottocorticale. Colpisce prevalentemente il giovane adulto inducendo deficit motori, sensitivi e visivi, ma anche disturbi cognitivi e comportamentali. I deficit cognitivi sono considerati la principale causa delle difficolt? che i pazienti incontrano nella loro vita sociale e professionale. Per ridurre tali limitazioni ? cruciale identificare il danno cerebrale relativo alla compromissione dei specifici domini cognitivi per strutturare piani di intervento terapeutici/riabilitativi mirati ed efficaci. Negli ultimi anni l'utilizzo di tecniche avanzate di risonanza magnetica (RM) cerebrale ha contribuito all'identificazione di modifiche strutturali e funzionali responsabili della compromissione cognitiva e della sfera emotiva nei pazienti con SM.
Durante il periodo di tirocinio presso la Neuroimaging Research Unit diretta dal Prof. Massimo Filippi, il tirocinante sar? coinvolto in un progetto volto ad indagare il danno cerebrale (strutturale e funzionale) in pazienti con SM e compromissione cognitiva mediante RM. Lo studio permetter? al tirocinante di conoscere e applicare sia strumenti clinici atti all'indagine del profilo cognitivo e psico-affettivo del paziente e sia metodiche avanzate di neuroimaging utilizzate per lo studio di modifiche cerebrali. Il profilo cognitivo ed emotivo verr? valutato mediante la somministrazione e la correzione di test, scale e questionari. Il tirocinante apprender? le basi del metodo sperimentale e sar? quindi istruito alla ricerca bibliografica, coinvolto nella definizione delle ipotesi di ricerca e nella verifica delle stesse e nella raccolta dei dati; infine apprender? l'analisi delle immagini di RM strutturale e funzionale mediante l'utilizzo di software di analisi avanzati. Parteciper? alle riunioni di gruppo mirate alla discussione dei risultati ottenuti contribuendo alla loro interpretazione e prender? parte a seminari sull'applicazione delle neuroimmagini nella SM.
Durante tale periodo il tirocinante sar? stimolato all' approfondimento degli argomenti scientifici proposti e a sviluppare le proprie capacit? critiche.
Valutazione neuropsicologica di pazienti affetti sclerosi multipla.
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
la sclerosi multipla ? una malattia infiammatoria demielinizzante del sistema nervoso centrale, la cui eziologia ? attualmente sconosciuta. la compromissione delle funzioni cognitive ? molto frequente nelle persone con sm. la prevalenza che emerge dagli studi fino a oggi eseguiti si situa in un range piuttosto ampio, compreso tra il 40- e il 70-. i deficit cognitivi nella sm sono solitamente focali, a carico di singoli domini cognitivi, anche se, talvolta, si pu? assistere a un coinvolgimento di pi? funzioni fino a configurare quadri di deterioramento globale-demenza. le funzioni cognitive compromesse pi? frequentemente sono la memoria, l'attenzione sostenuta, la velocit? di elaborazione delle informazioni e le funzioni esecutive. al fine di contribuire a chiarire la natura del deficit cognitivo nella sm sono necessarie indagini neuropsicologiche volte ad indagare sia le caratteristiche di tale compromissione nelle diverse forme della malattia, sia le modifiche nel tempo di tali disturbi.
durante il periodo di tirocinio presso la neuroimaging research unit diretta dal prof. massimo filippi, verranno forniti metodologie e strumenti per la gestione del colloquio e dell'inquadramento diagnostico: il tirocinante affiancher? il personale esperto nelle sedute di valutazione neuropsicologica e comportamentale dei pazienti affetti da diverse forme di sm. nello specifico, apprender? la testistica di base e quella sperimentale per indagare le capacita mnestiche, attentive-esecutive e le abilit? linguistiche. inoltre apprender? l'utilizzo di strumenti atti all'indagine degli aspetti psico-affettivi. imparer? inoltre ad eseguire la correzione della testistica neuropsicologica mediante l'utilizzo di appositi strumenti ampiamente utilizzati in ambito clinico e sperimentale. il tirocinante parteciper? alle riunioni di gruppo mirate alla discussione dei casi clinici osservati per la definizione diagnostica.
attraverso la partecipazione, l'osservazione e la pratica clinica guidata, il tirocinante si avvier? ad un percorso di autonomizzazione nell'uso degli strumenti clinici specifici della professione, strumenti indispensabili per arrivare ad una corretta diagnosi differenziale e all'impostazione del piano di trattamento.
Studio delle caratteristiche cerebrali strutturali e funzionali di pazienti affetti da sindromi dello spettro della degenerazione lobare frontotemporale mediante un approccio multimodale di neuroimaging.
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia generale e Sperimentale
La degenerazione lobare frontotemporale (FTLD) ? la seconda causa di demenza nella popolazione anziana. Colpisce 15 su 100.000 casi nella popolazione tra 45 e 65 anni, persone che ancora vivono un periodo particolarmente attivo della loro vita. Dato il bisogno urgente di nuove terapie, diventa cruciale l'identificazione di marcatori con valenza diagnostica e prognostica in vivo e di possibili target per nuovi trattamenti sperimentali. A tale fine, le tecniche pi? avanzate di risonanza magnetica cerebrale svolgono un ruolo cruciale.
Durante il periodo di tirocinio presso la Neuroimaging Research Unit diretta dal Prof. Massimo Filippi, lo studente sar? coinvolto in un progetto che avr? il fine di indagare le caratteristiche cerebrali di risonanza magnetica (strutturale e funzionale) comuni alle diverse presentazioni cliniche e specifici di ciascun fenotipo in pazienti dello spettro FTLD. Tali fenotipi sono la variante comportamentale frontotemporale, le afasie primarie progressive, la paralisi supranucleare progressiva, e le malattie del motoneurone (MND) che oggi sappiamo avere caratteristiche cliniche, genetiche e neuropatologiche sovrapponibili a quelle delle sindromi FTLD. L'approccio multimodale proposto permetter? allo studente di definire le caratteristiche di risonanza magnetica responsabili delle differenti espressioni cognitive e comportamentali di ciascun fenotipo e di fornire marcatori utili per il monitoraggio dell'efficacia di trattamenti sperimentali futuri.
Lo studente sar? coinvolto nella definizione delle ipotesi di ricerca nonch? delle modalit? di verifica delle stesse, nella previsione dei risultati, e nella costruzione di ipotesi di ricerca alternative; apprender? le basi del metodo sperimentale contribuendo alla ricerca bibliografica e alla raccolta rigorosa dei dati; apprender? l'analisi delle immagini di risonanza magnetica strutturale e funzionale mediante l'utilizzo di programmi statistici avanzati; svolger? attivit? di affiancamento durante le sedute di valutazione neuropsicologica a scopo di ricerca; parteciper? a seminari sull'applicazione delle neuroimmagini in queste patologie; e parteciper? alle riunioni di equipe mirate alla discussione dei risultati ottenuti contribuendo alla loro interpretazione.
Durante tale periodo, si valuter? l'inclinazione dello studente a tali attivit?, la personale motivazione, e la capacit? critica e di approfondimento degli argomenti scientifici proposti.
Valutazione neuropsicologica di pazienti affetti da sindromi dello spettro della degenerazione lobare frontotemporale
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
La degenerazione lobare frontotemporale (FTLD) comprende un ampio spettro di sindromi cliniche che vanno dalla variante comportamentale frontotemporale (bvFTD) alle afasie primarie progressive (PPA) e alla paralisi supranucleare progressiva (PSP). Studi recenti hanno inoltre mostrato come anche le malattie del motoneurone (MND) abbiano caratteristiche cliniche, genetiche e neuropatologiche sovrapponibili a quelle delle sindromi FTLD. Al fine di migliorare la nostra capacit? di comprendere l'eterogeneit? di tale spettro, sono necessari studi su ampie popolazioni di pazienti affetti da FTLD/MND ben caratterizzate dal punto di vista clinico e neuropsicologico.
Durante tale periodo di tirocinio presso la Neuroimaging Research Unit diretta dal Prof. Massimo Filippi, lo studente affiancher? il personale esperto nelle sedute di valutazione neuropsicologica e comportamentale dei pazienti affetti dalle diverse sindromi dello spettro FTLD/MND. Nello specifico, apprender? la testistica di base e quella sperimentale di approfondimento per ogni variante FTLD/MND nei domini cognitivi di memoria, funzioni esecutive, linguaggio, attenzione, e abilit? visuospaziali, negli stati psicopatologici ed affettivi, nonch? nelle capacit? di cognizione sociale e di riconoscimento emotivo. Imparer? inoltre ad eseguire la correzione della testistica neuropsicologica mediante le apposite scale italiane di standardizzazione e parteciper? alle riunioni di equipe mirate alla discussione dei casi clinici osservati per la definizione diagnostica e la differenziazione sindromica.
Durante tale periodo, si valuter? l'inclinazione dello studente a tali attivit?, la personale motivazione, l'intuizione clinica, la capacit? critica e di approfondimento degli argomenti proposti.
La relazione tra uso di sostanze, e alcol, e la qualit? della vita, e la patologia della personalit?
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il Servizio Alcoldipendenze dell'Ospedale San Raffaele Turro offre la possibilit? di effettuare il tirocinio post-lauream con i seguenti obiettivi e modalit?:
Per quanto riguarda gli obiettivi teorici; le competenze da sviluppare sono la conoscenza dei disturbi da uso di sostanze e alcol e loro relazione con la qualit? della vita e la patologia della personalit? (gravit?, sistemi diagnostici, implicazioni terapeutiche).
Per quanto riguarda gli obiettivi tecnico-professionali le competenze da sviluppare sono; l'acquisizione delle tecniche di raccolta di dati anamnestici e di stesura dei profili di personalit?, la valutazione del funzionamento del paziente in relazione al trattamento psicologico di gruppo.
Per quanto riguarda le modalit?; le attivit? che il tirocinante svolger? sono l'osservazione di colloqui di valutazione, l'osservazione del trattamento di gruppo, la partecipazione alla discussione dei casi clinici e la collaborazione ad attivit? di ricerca.
Nello specifico il tirocinante sar? gradualmente coinvolto, in qualit? di osservatore attivo, in tutte le attivit? relative al servizio di alcologia, a partire dalla presa in carico ambulatoriale (prima visita psichiatrica), passando per le interviste motivazionali individuali effettuate dagli psicologi, fino al trattamento riabilitativo in regime MAC.
Durante la fase riabilitativa il tirocinante avr? l'opportunit? di assistere allo skills training DBT modificato per DUS oltre che al programma di prevenzione delle ricadute basato sulla Mindfulness, osserver? inoltre l'integrazione del lavoro multidisciplinare dell'equipe formata da medici, infermieri, psicologi ed educatori.
Il tirocinante avr? inoltre l'opportunit? di seguire l'iter di mantenimento successivo alla fase riabilitativa del trattamento, assister? quindi ai gruppi di mantenimento ambulatoriali incentrati sull'acquisizione da parte dei pazienti delle abilit? socio-relazionali oltre che al mantenimento di quelle di prevenzione della ricaduta. Il tirocinante assister? anche alle attivit? di gruppo dedicate ai familiari dei pazienti alcoldipendenti, sia per quanto riguarda una prima fase psico-educazionale sulla patologia, sia per quanto riguarda l'attivit? di psicoterapica multi-familiare di gruppo.
VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI DISTURBI COGNITIVI IN NEURORIABILITAZIONE
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il periodo di tirocinio svolto all'interno dell'Unit? di Neuroriabilitazione OSR prevede una formazione del tirocinante psicologo in ambito neuropsicologico - diagnostico e riabilitativo ? e psicologico supportivo per il miglioramento ed il recupero del funzionamento cognitivo, del benessere e della qualit? di vita dei pazienti e dei loro familiari. Le patologie trattate sono di tipo neurologico degenerativo, post-acute, post-neurochirurgiche.
La formazione dei tirocinanti psicologi prevede: una parte teorica di insegnamento e studio delle funzioni cognitive (fisiologiche e fisiopatologiche), dei disturbi cognitivi e delle tecniche di valutazione e riabilitazione neuropsicologica; una attivit? pratica di osservazione dello psicologo tutor nell'attivit? clinica valutativa, riabilitativa e supportiva dei pazienti affetti da demenza, pazienti pre-operatori e post-operatori neurochirurgici e dei loro caregivers; una attivit? pratica di partecipazione alla preparazione, selezione e interpretazione del materiale testale per il monitoraggio cognitivo intraoperatorio neurochirurgico con paziente sveglio (?awake surgery?); la partecipazione a protocolli internazionali farmacologici sulla patologia di Alzheimer e altre patologie neurologiche; una costante attivit? di monitoraggio in itinere e partecipazione a riunioni d?equipe con discussione di casi clinici; l'introduzione all'uso di nuove tecnologie nella valutazione e riabilitazione neuropsicologica.

PRINCIPALI ATTIVIT?
Osservazione di colloqui clinici diagnostico valutativi, riabilitativi e supportivi.
Osservazione delle somministrazioni testali.
Studio e siglatura del materiale testale.
Partecipazione alla redazione di relazioni neuropsicologiche.
Studio e approfondimento della letteratura scientifica.
Partecipazione a protocolli di ricerca e sviluppo di stimoli sperimentali.
Partecipazione a riunioni multidisciplinari.
Partecipazione a seminari e corsi di aggiornamento.






COMPETENZE ACQUISITE
Acquisizione dei principi deontologici inerenti la professione di psicologo.
Acquisizione di competenze relazionali nel colloquio clinico-diagnostico.
Acquisizione degli elementi costitutivi della valutazione neuropsicologica: raccolta anamnestica, selezione e somministrazione testale, scoring e interpretazione dei test per la valutazione delle funzioni cognitive (linguaggio, memoria, attenzione, abilit? logiche ed esecutive, abilit? visuo-spaziali e visuo-costruttive).
Acquisizione di competenze in ambito di stesura della relazione neuropsicologica.
Acquisizione delle capacit? di gestione e presa in carico del paziente.
Acquisizione di competenze relazionali nella comunicazione con il caregiver.
Acquisizione delle capacit? di pianificare, condurre e valutare un progetto riabilitativo.
Acquisizione di competenze relative all'utilizzo di nuove tecnologie per la diagnosi neuropsicologica e la riabilitazione cognitiva.
Acquisizione di competenze nell'ambito della ricerca scientifica: capacit? di reperire informazioni di letteratura, sviluppo e implementazione di protocolli e metodologie sperimentali, raccolta e analisi dei dati, stesura di un articolo scientifico.
Acquisizione della capacit? di lavoro in ?quipe multidisciplinare.
Psicologia clinica e day-hospital
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
L'attivit? di tirocinio ha l'intento di formare i laureati rispetto al ragionamento clinico per identificare le aree psicopatologiche dei pazienti. Questo si apprende con lo sviluppo di abilit? nella valutazione della sintomatologia e dei comportamenti dei soggetti, con l'obiettivo di formulare ipotesi diagnostiche e di trattamento.
Il tirocinio, quindi, sar? strutturato in aree ed attivit? differenti: da un lato ci sar? la partecipazione diretta all'attivit? clinica dei colloqui di valutazione e di restituzione diagnostica, e dall'altro la partecipazione alle supervisioni cliniche degli psicologi in formazione. La formazione avviene anche con la partecipazione sia diretta che indiretta alla discussione di casi clinici trattati poi dal Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia. Inoltre i tirocinanti vengono coinvolti nelle attivit? di ?quipe del day-hospital per il trattamento di disturbi di personalit? dove si sviluppa l'organizzazione delle terapie dei pazienti in carico alla struttura. Alle attivit? fin qui descritte, si aggiunge la partecipazione all'attivit? di reparto: il tirocinante potr? affiancare specializzandi e specialisti nel percorso di trattamento di pazienti ricoverati in psichiatria generale con disturbo di personalit?.
Al termine del tirocinio il tirocinante dovr? aver acquisito capacit? nello sviluppare un ragionamento clinico e costruire un ?albero decisionale? che gli permetta di iniziare a formulare un pensiero diagnostico.
PSICODIAGNOSTICA
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
L'attivit? di tirocinio si propone di formare i laureati alla valutazione degli aspetti adattivi e maladattivi della personalit? inclusa la neuropsicologia delle differenze individuali. L'attivit? formativa verter? sulla somministrazione e scoring dei principali test sviluppati a) per la valutazione delle caratteristiche disadattive di personalit? elencate nella sezione II di DSM-5 (SCID-5 PD) e b) per la valutazione del modello alternativo dei disturbi della personalit? secondo sezione III di DSM-5. Inoltre, il tirocinante verr? formato alla conoscenza e all'utilizzo dei principali test di teoria della mente e di cognizione sociale e dei test neuropsicologici per la valutazione delle differenze individuali nelle funzioni esecutive.
Al termine del tirocinio, il tirocinante dovr? essere in grado di integrare nel ragionamento diagnostico gli elementi evolutivi riferiti agli stili di attaccamento e agli internal working models. Inoltre, il laureato dovr? essere in grado di integrare i dati emersi dall'assessment formale al fine di formulare ipotesi diagnostiche utili alla pianificazione del trattamento. A tal fine si favorisce la partecipazione dei tirocinanti alle discussioni casi relative ai clienti che afferiscono agli ambulatori con particolare riferimento alle patologie narcisistiche.
Inoltre, durante il percorso di tirocinio, verranno affrontate le implicazioni psico-sociali degli aspetti disfunzionali della personalit? al fine di formare il laureato alla gestione dell'impatto sociale e famigliare delle questioni personologiche.
A fronte dell'approccio diacronico all'assessment che caratterizza l'unit? di psicodiagnostica del servizio di psicologia clinica e psicoterapia, il tirocinante sar? anche coinvolto nella valutazione di soggetti adolescenti.
Infine, il tirocinante acquisir? una formazione alla ricerca con particolare riferimento alla taratura psicometrica degli strumenti di assessment.
TIROCINIO NEL REPARTO DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il tirocinante all'interno del reparto dei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA) ha la possibilit? di formarsi affiancando professionisti psicologi con differenti approcci clinici (cognitivo comportamentale, cognitivo-costruttivista, sistemico-relazionale, psicodinamico), fruendo cos? della possibilit? di individuare, nel tempo, il linguaggio clinico che gli corrisponde maggiormente.
Gli aspiranti psicologi potranno, infatti, assistere ai colloqui di valutazione clinica e testale dei pazienti ricoverati in breve (3 settimane) o lunga degenza (fino a 4 mesi) ed essere coinvolti nel processo che va dalla formulazione di una ipotesi diagnostica ad una diagnosi vera e propria, comunicata al paziente, sino alla condivisione di un progetto terapeutico.
Vi saranno momenti dedicati alla discussione dei casi, con l'obiettivo di promuovere il pensiero clinico del tirocinante.
I Dottori in psicologia potranno dunque acquisire competenze specifiche sulle scale psicodiagnostiche e psicometriche utilizzate per indagare e approfondire la sintomatologia dei DCA quali EDI-2, BITE, BES, YBC-EDS. Nel corso del percorso riabilitativo ? inoltre prevista la somministrazione di questionari autosomministrati (WHOQOL BREVE, MPS, HSHS, AQ, BIS-11, ASQ, ISI-3, BFI, PSPS, BFI, RQ, NPI-40, Scala sull'Autoefficacia Generalizzata, QBAN QIE, QPC, QRI) e la stesura di profili personologici attraverso la somministrazione di TCI-R e SCID-II. Possono inoltre essere richiesti sulla base dei percorsi individualizzati per ciascun paziente scale aggiuntive di valutazione delle capacit? cognitive quali WAIS-R, MODA e Matrici di Raven.
Il percorso formativo nel reparto dei disturbi del comportamento alimentare prevede inoltre la possibilit? di assistere alle riunioni dell'equipe multidisciplinare che opera in reparto (educatori, OSS, infermieri, medici psichiatri e psicologi) e l'opportunit? di partecipare in modo dinamico all'attivit? di ricerca che vi si svolge. Infatti, in maniera congrua con l'attivit? clinica, sono strutturati diversi progetti di ricerca coordinati dalla Prof.ssa Laura Bellodi. In questo contesto, il tirocinante potr? cimentarsi nell'apprendimento delle basi della psicologia sperimentale applicata alle psicopatologie sopradescritte.
IL TIROCINIO NEL MACRO AMBULATORIO COMPLESSO DEI DISTURBI D?ANSIA
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il tirocinio presso il Macro Ambulatorio complesso (MAC) per il trattamento dei Disturbi d?Ansia fornisce un'esperienza che integra l'approccio clinico cognitivo comportamentale evidence-based e la ricerca in ambito neuroscientifico.
Il tirocinante potr? confrontarsi con una realt? multidisciplinare, infatti nel MAC confluiscono diverse figure professionali oltre a quelle degli psicologi: il medico psichiatra, l'educatore professionale e gli infermieri. L'intervento integrato prevede degli accessi diurni a cui afferiscono persone con diagnosi di Disturbo di Panico e con Disturbi dello Spettro Ossessivo Compulsivo.
Il Dottore in Psicologia potr? affiancare esperti tutor nella raccolta anamnestica, nell'approfondimento diagnostico e nella valutazione delle aree di criticit? personologiche e della severit? delle sintomatologie in trattamento. Il tirocinante potr? dunque acquisire competenze specifiche sulle scale psicodiagnostiche e psicometriche utilizzate per indagare e approfondire la sintomatologia del Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DY-BOCS), del Disturbo di Panico (WHOQOL BREVE, Liebowitz, SCL-90, Disability Scale, Phobia Scale, PASS, STAY 1 e 2) e le aree di criticit? personologiche (TCI-R e SCID-II). Sulla base dei percorsi individualizzati per ciascun paziente potranno inoltre essere richieste scale aggiuntive di valutazione diagnostica (MINI) e delle capacit? cognitive quali WAIS-R, MODA e Matrici di Raven.
Nel percorso di Tirocinio il Dottore in Psicologia inoltre potr? inoltre cogliere l'importante contributo che un approccio integrato fornisce alla persona con un disagio psichico.
L'affiancamento, ove possibile, proseguir? anche durante gli interventi individuali e di gruppo previsti dal programma riabilitativo mediante metodologie di intervento di stampo cognitivista e comportamentista.
L'esperienza di tirocinio presso il MAC Ansia offre inoltre la possibilit? di partecipare in modo dinamico all'attivit? di ricerca che vi si svolge. Infatti, in maniera congrua con l'attivit? clinica, sono strutturati diversi progetti di ricerca che sono coordinati dalla Prof.ssa Laura Bellodi. In questo contesto, il tirocinante potr? cimentarsi nell'apprendimento delle basi della psicologia sperimentale applicata alle psicopatologie sopradescritte.
Valutazione psicologica e neuropsicologica in pazienti affetti da disturbi del sonno
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
La diagnosi e la terapia degli aspetti psicologici associati ai disturbi del sonno rappresenta un'area in forte crescita nel panorama scientifico internazionale. Da questo punto di vista una particolare attenzione viene riservata al disturbo del sonno che pi? frequentemente ? presente nella popolazione generale, l'insonnia cronica. Attraverso la somministrazione di questionari specifici e colloqui mirati alla caratterizzazione cognitiva di questi pazienti sar? possibile direzionare i soggetti affetti da questo disturbo verso il trattamento pi? adeguato che nel caso dell'insonnia cronica ? rappresentato dalla terapia cognitivo comportamentale.
Altro aspetto di particolare rilevanza dal punto di vista clinico ? l'effetto che i disturbi del sonno hanno sul funzionamento diurno. In particolare, attraverso l'utilizzo di specifiche ed esaustive batterie neuropsicologiche sar? possibile valutare la presenza e l'entit? dei deficit cognitivi riportati da questi pazienti. Nello specifico, la valutazione delle funzioni neurocognitive si ? rivelata uno strumento fondamentale per il tempestivo riconoscimento dell'insorgenza di alcune neurodegenerazioni in pazienti affetti da disturbo comportamentale del sonno REM.
L'approccio diagnostico e terapeutico presso il centro di medicina del sonno ? caratterizzato da una forte interdisciplinariet?. Oltre all'affiancamento giornaliero con psicologi e psicoterapeuti, ? possibile un confronto professionale con altre figure fondamentali in questo ambito come il personale infermieristico, tecnico e medico, in particolare neurologico.
Gli obiettivi formativi del progetto saranno molteplici: l'apprendimento di una raccolta anamnestica esauriente, discussa e supervisionata con altri operatori, mirata alla diagnostica psicologica in pazienti affetti da disturbi del sonno. L'affiancamento nella somministrazione, scoring, interpretazione e refertazione dei diversi test neuropsicologici volti alla diagnostica di specifici deficit neurocognitivi in questi pazienti.
Prevenzione, diagnosi e trattamento rivolto a bambini, adolescenti e figure genitoriali
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia dello sviluppo e dell'educazione
Il Servizio di Psicopatologia dello Sviluppo prevede un percorso di diagnosi e terapia rivolto a bambini ed adolescenti (8-18 anni) in aree psicopatologiche internalizzanti ed esternalizzanti per i seguenti disturbi:
- Disabilit? intellettiva
- Disturbi specifici dell'apprendimento
- Disturbi dello Spettro Autistico
- Disturbi d'ansia (nello specifico Disturbo d?Ansia Sociale)
- Depressione
- Disturbo ossessivo-compulsivo
- Disturbi del Comportamento Alimentare
- Disturbo da deficit dell'attenzione e iperattivit? ? ADHD
- Disturbo oppositivo provocatorio

Il Servizio di Psicopatologia dello Sviluppo ha una caratterizzazione diagnostica descrittiva, basata sulla rilevazione di segni e sintomi e, ogniqualvolta sia possibile, sulla misurazione di un dato comportamento.

Il tirocinio svolto presso questo servizio prevede dunque di poter svolgere attivit? afferenti sia all'area della psicologia dello sviluppo e dell'educazione sia a quella della psicologia clinica.
Le principali attivit?, infatti, riguardano:

- Osservazione di colloqui clinici preliminari
- Affiancamento nella valutazione di disabilit? intellettive o disturbi specifici dell'apprendimento
- Affiancamento nella correzione di test psicometrici
- Affiancamento nella restituzione della diagnosi con i genitori e il minore
- Osservazione di colloqui clinici di raccordo con i genitori
- Sviluppo di competenze di diagnosi differenziali
- Sviluppo di capacit? di lavoro in ?quipe, attraverso il confronto e la discussione di casi clinici
- Somministrazione di questionari diagnostici agli utenti
- Codifica ed elaborazioni dati
- Ricerca ed aggiornamento bibliografico

Sar? inoltre possibile partecipare ad attivit? di ricerca, come integrazione alle attivit? principali di tirocinio.
Psicologia Clinica della Salute e valutazioni diagnostiche
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Possibilit? di partecipare a progetti in ambito della psicologia clinica della salute rispetto alla valutazione di alcune variabili psicologiche che possono essere collegate a patologie organiche. Particolare attenzione verr? rivolta alla variabile della qualit? di vita nei diversi contesti di malattia e alla sua correlazione con altre variabili psicologiche come stress, ansia e depressione. In relazione alla psicologia della salute si approfondir? anche il versante dei curanti: ovvero il personale infermieristico e medico e la valutazione di alcune variabili collegate alla qualit? dell'assistenza sanitaria come il burnout e dello stress lavoro correlato.
Inoltre, particolare attenzione verr? riservata allo studio e all'indagine dei meccanismi che caratterizzano il rapporto corpo-mente e di tutte le dinamiche psicologiche che possono regolare il modo di vivere ed utilizzare il corpo come veicolo di contenuti emotivi. L'ambito di studio teorico e pratico sar? quello della psicosomatica e delle discipline che utilizzano il corpo come mediatore anche all'interno di dinamiche di gruppo.
Si avr? accesso a progetti ricerca, approfondendo l'ambito della ricerca bibliografica e l'utilizzo di software statistici per la creazione di database e l'elaborazione dei dati raccolti.
Inoltre, si far? esperienza con l'obbiettivo di sviluppare dimestichezza con strumenti di valutazione diagnostica. In particolare si approfondir? l'utilizzo di Test autosomministrati, interviste semi strutturate e test proiettivi per la valutazione di funzioni specifiche di stato e di tratto.
Intervento psicologico all?interno di una unit? di Ematologia e Trapianto di midollo osseo
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il progetto di tirocinio si propone di sviluppare conoscenze relative alla attivit? dello psicologo clinico in ospedale, in particolare in riferimento all'intervento psicologico all'interno di una unit? di Ematologia e Trapianto di midollo osseo.
Il tirocinante avr? la possibilit? di prendere parte alle diverse declinazioni del lavoro dello psicologo in questo contesto: dalla valutazione psicologica rivolta al paziente e al suo donatore di midollo prima del trapianto, all'intervento (individuale e di gruppo) rivolto ai familiari, all'interno di un ambiente di cura dove favoriti risultano gli scambi sia fra colleghi psicologi in occasione di riunioni dedicate che all'interno di una pi? ampia equipe multidisciplinare.
A questa attivit? si andr? ad affiancare anche l'attivit? di ricerca svolta in merito a temi di interesse clinico riferiti all'intervento rivolto al paziente, al suo gruppo familiare e all'equipe di cura, secondo una modalit? che privilegi il costante dialogo fra ricerca e clinica nell'ambito della Psicologia della Salute e l'integrazione con la disciplina medica.
Al tirocinante sar? inoltre offerta la possibilit? di essere coinvolto sia nelle attivit? di formazione svolte dal Servizio di Psicologia rivolte agli operatori dell'ospedale, che nella attivit? didattica in ambito universitario.

Obiettivi e modalit?:
Competenze da sviluppare:
? Conoscenza dei principali strumenti di valutazione psicodiagnostica (test e colloqui) in ambito clinico
? Capacit? di integrare conoscenze teoriche e metodologie di ricerca per sviluppare progetti di ricerca
? Capacit? di lavoro all'interno di una ?quipe multidisciplinare

Attivit?:
? Osservazione del percorso di valutazione psicodiagnostica
? Partecipazione a riunioni di ?quipe
? Partecipazione a progetti di ricerca nell'area della Psicologia della salute
? Partecipazione ad attivit? di formazione e didattica
Psicologia della salute
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il tirocinio è svolto all'interno del Servizio di Psicologia clinica e della salute dell'Ospedale San Raffaele di Milano. Il servizio svolge attività di diagnosi, counselling e psicoterapia, rivolgendosi in particolare ai pazienti affetti da patologie organiche in cura presso i reparti e gli ambulatori di tutte le Unità Operative dell'Ospedale; tale attività include anche interventi rivolti ai caregiver e alle famiglie.
Il tirocinante nello specifico potrà:
1) Approfondire gli aspetti legati all'impatto psichico delle patologie organiche, sul paziente affetto e sui caregiver;
2) Approfondire le principali tematiche della psicologia della salute, quali: prevenzione, comunicazione medico-paziente, promozione della qualità di vita legata alla salute (Health Related Quality of Life);
3) Approfondire l'ambito della psiconcologia e delle cure complementari in ambito oncologico;
4) Svolgere attività di ricerca nell'ambito della psicologia della salute
Obiettivi di apprendimento per il tirocinante:
1)Sviluppare capacità di formulare ipotesi diagnostiche e ipotesi di intervento psicologico;
2)Sviluppare capacità di lavoro in equipe multidisciplinare;
3)Sviluppare abilità di ricerca
Principali attività assegnate al tirocinante
4)Partecipazione ai colloqui di valutazione iniziale dei pazienti;
5)Partecipazione alla somministrazione dei questionari a pazienti e caregiver:
6)Partecipazione alle riunioni d'equipe e discussione dei casi
7)Partecipazione alle diverse attività ambulatoriali (Colloqui psicologici nell'ambito della Consulenza Genetica; colloqui psicologici nell'ambito del percorso di Preservazione della Fertilità, colloqui psicologici nell'ambito della diagnosi e della cura di patologie oncologiche rare..)
8)Partecipazione a seminari e corsi di formazione nell'ambito della psicologia della salute
Processi cognitivi nella psicosi: tra clinica e ricerca
Tipo Esame: Tirocinio per accesso esame Albo A
Area Discipinare: Psicologia clinica
Il tirocinio presso la Disease Unit Disturbi Psicotici si articola in due macro aree interconnesse tra loro: la clinica e la ricerca.
L'attività clinica è strutturata in tre ambiti differenti: riabilitativa, ambulatoriale e di reparto.
La riabilitazione presso il Centro Diurno e il MAC dell'ospedale San Raffaele Ville Turro si effettua su pazienti affetti da schizofrenia, stabilizzati da un punto di vista clinico e farmacologico, ed ha come obiettivo principale la ripresa funzionale del paziente, andando ad agire, attraverso tecniche innovative, sui deficit cognitivi e socio-cognitivi.
Al dottore tirocinante sarà chiesto di affiancare lo psicologo psicoterapeuta nelle attività riabilitative, che nello specifico sono: valutazione e scoring dei deficit cognitivi del paziente, valutazioni intellettive, interventi riabilitativi individuali computerizzati deficit specifici (cognitive remediation), interventi di gruppo mirati all'incremento del funzionamento generale del paziente (training cognitivi e metacognitivi), colloqui individuali.
Nelle attività di reparto, in cui sono ricoverati pazienti psicotici prevalentemente in fase acuta, l'intervento dello psicologo consiste nell'effettuare psicodiagnosi attraverso la somministrazione di test di livello, neuropsicologici e di personalità. Al dottore tirocinante sarà richiesto di affiancare lo psicologo psicoterapeuta in questi compiti.
Le medesime mansioni sono svolte a livello ambulatoriale, a cui afferiscono pazienti psicotici stabilizzati da un punto di vista clinico, con un buon livello di autonomia e funzionamento globale.
Il partecipare alle diverse aree cliniche permette al dottore tirocinante di entrare in contatto ed osservare le molte sfaccettature e complessità che la patologia schizofrenica presenta.
L'attività di ricerca svolta presso la Disease Unit Disturbi Psicotici ha come oggetto primario la conoscenza dei processi cognitivi, neurocognitivi e sociocognitivi dei pazienti schizofrenici, da un punto di vista clinico-comportamentale, genetico e attraverso lo studio dei network neurali ad essi associati. Al dottore tirocinante sarà richiesto di partecipare a riunioni di ricerca, journal club ed in parallelo è offerta la possibilità di poter partecipare ad alcune attività di ricerca svolte in collaborazione con l'unità di Psichiatria e Psicobiologia Clinica della Divisione di Neuroscienze. Inoltre il tirocinante potrà affiancare quotidianamente l'attività di ricerca del tutor nella progettazione di nuovi protocolli di ricerca, raccolta di dati e analisi degli stessi.
Presso la Disease Unit Disturbi Psicotici sono disponibili 4 posizioni di tirocinio post laurea magistrale con frequenza annuale. Il candidato tirocinante dovrà avere un'ottima conoscenza della lingua inglese e competenze statistiche di base.
Elenco Sedi
Codice
Nome
Indirizzo
Psicologo Referente
E-Mail Psicologo Referente
S000542_001
Neuroriabilitazione specialistica - Disturbi neurologici, cognitivi e motori
via Olgettina, 48 - Milano - 20132 (MI)
Alemanno Federica
alemanno.federica@hsr.it
S000542_002
Desease Unit Disturbi Psicotici
via Stamira d'Ancona, 20 - Milano - 20127 (MI)
Bechi Margherita
bechi.margherita@hsr.it
S000542_003
Pediatria
via Olgettina, 60 - Milano - 20132 (MI)
Longaretti Roberta
longaretti.roberta@hsr.it
S000542_004
Sede legale Ospedale San Raffaele
via Olgettina, 60, 20132, Milano
S000542_005
Psicologia Clinica e Psicoterapia
via Stamira d'Ancona 20 - Milano - 20127 (MI)
Cesare Maffei
maffei.cesare@hsr.it
S000542_006
Psicologia Clinica e della Salute
via Olgettina 60 - Milano - 20132 (MI)
Valentina Di Mattei
dimattei.valentina@hsr.it
S000542_007
Neurologia, neurofisiologia clinica e neuroriabilitazione
via Olgettina 60 - Milano - 20132 (MI)
Monica Falautano
falautano.monica@hsr.it
S000542_008
Servizio di Psicopatologia dello Sviluppo
via Stamira d'Ancona 20 - Milano - 20127 (MI)
Anna Ogliari
ogliari.anna@hsr.it
S000542_009
Neurologia VT - Centro Medicina del Sonno
via Stamira d'Ancona 20 - Milano - 20127 (MI)
Andrea Galbiati
andrea.galbiati.unisr@gmail.com
S000542_011
Psichiatria e psicobiologia clinica
via Olgettina 60 - Milano - 20132 (MI)
Benedetti Francesco
benedetti.francesco@hsr.it
S000542_012
Centro Disturbi del Comportamento Alimentare e Disturbi d'Ansia
via Stamira d'Ancona 20 - Milano - 20127 (MI)
Ricceri Alberto
ricceri.alberto@hsr.it
S000542_013
Unit? di Neuroimaging Quantitativo
via Olgettina 60 - Milano - 20132 (MI)
Massimo Filippi
filippi.massimo@hsr.it
S000542_014
Unit? Operativa dei Disturbi dell'Umore
via Stamira d'Ancona 20 - Milano - 20127 (MI)
Namia Caterina
namia.caterina@hsr.it